Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) Sono trascorsi otto mesi dall’insediamento della nuova Lega Serie A. Il bilancio è negativo su tutto il fronte. I tanti problemi che affliggono la massima serie nazionale restano aperti. Nessuno spiraglio si intravede in fondo al tunnel in cui si è infilato il calcio italiano. Al 2010 annus horribilis sta per seguire un 2011 che si prospetta, se possibile, ancora peggiore.

Non è stato ancora firmato il rinnovo del contratto collettivo di lavoro, che ha quasi portato allo sciopero l’Assocalciatori di Sergio Campana. In tema di diritti televisivi la questione dei bacini di utenza è sempre in alto mare, mentre già ci si prepara a discutere sedersi con pay tv sempre più intrusive la vendita collettiva per il 2012. Incombe il fallimento di Dhalia tv, senza che nessuno intuisca la gravità di un eventuale blackout dell’emittente svedese e i suoi rischi in prospettiva monopolistica.

Nel frattempo il tasso di litigiosità dei venti club di serie A Tim è tale che non partecipano da mesi con propri rappresentanti alle riunioni del Consiglio Federale, impedendo di fatto alla Federcalcio di Giancarlo Abete di mettere mano alle necessarie riforme.

Alle assemblee di Lega si parla sempre e solo di soldi, senza che nessuno alzi mai la voce per tutelare gli interessi dei tifosi, ex architrave del sistema, che stanno abbandonando stadi decrepiti e desolatamente vuoti. 

Impianti nuovi all’altezza del resto d’Europa? Non vi è traccia (Juventus a parte). Differenzia zione dei ricavi per sottrarsi dalle spire malefiche delle pay tv? Neppure a parlarne. Marketing? Neanche l’ombra. Ticketing? Ai minimi storici.

In questo opaco contesto il presidente Maurizio Beretta si appresta ad abbandonare la nave per entrare nel mondo Unicredit. Già domani potrebbe essere ufficializzata la sua no­mina alla carica di diret­tore della comunicazione e della corporate identity dell’istituto bancario che attualmente controlla la Roma. Il posto di presidente della Lega Serie A Tim resterebbe a quel punto vacante, in una fase storica contrassegnata dai tanti enigmi ancora irrisolti.

L’eventuale scenario prevederebbe la reg­genza temporanea da parte di Simonelli, attua­le revisore dei conti (sponsorizzata, a quanto pare, dalla Lega Nord). All’orizzonte si profila la candidatura di Rosella Sensi dopo la cessione della Ro­ma – definita “alla frutta” da un Ranieri dimissionario, che dimostra di essere uno dei pochi nell’ambiente giallorosso ancora con la testa sulle spalle e con un minimo di etica spendibile – alla cordata americana guidata da DiBenedetto. 

Poveri noi e povero calcio. L’atmosfera che si respira è da si salvi chi può. Non sembra importi più niente a nessuno, salvo ai tifosi, di un calcio che sta andando a rotoli. 

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 giorni fa

La Juventus si riprende il talento di Sofia Cantore: sarà qualcosa di travolgente?

👉🏾 Questo articolo era stato pubblicato da Calciopress nel luglio 2022, a futura memoria. Lo riproponiamo, perchè Sofia Cantore ha...

Opinioni3 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni1 mese fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali1 mese fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi