Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Enrico Losito) Basta un tempo (il primo) al Taranto per piegare il pericolante Pisa: apparso abulico e timoroso, sopratutto nei primi quarantacinque minuti. Gli jonici ne approfittano chiudendo la pratica con due reti di pregevole fattura: al 9′ grazie all’assolo di Chiaretti e alla mezzora con un letale pallonetto di Sy. Il tecnico nerazzurro Semplici corre ai ripari nella ripresa mutando alcuni interpreti e, sopratutto, variando l’assetto tattico iniziale (4-3-1-2)  trasformato prima in 3-5-2 e successivamente in 3-4-3. I correttivi, però, fruttano solo la rete di Giudone al 17′. Troppo poco per i toscani che nei minuti di recupero restano anche in dieci per l’espulsione (per doppia ammonizione) di Fanucci. 

Cronaca.  Primi minuti di studio tra le due formazioni, a scaldare il pubblico ci pensa Giorgino al 7′: l’interno rossoblu, dopo avere rubato palla su un errato disimpegno di Gimmelli, si invola verso l’area pisana e, giunto al limite, scocca un violento destro che si stampa sulla traversa. E’ il preludio alla rete jonica che cade al 9′: Chiaretti si scatena in un azione personale, il brasiliano spacca centralmente la difesa toscana e, entrato in area, fulmina Lanni con un mortifero sinistro. Passano solo due minuti e il Taranto reclama il penalty per un presunto fallo di mano di Raimondi, ma l’arbitro lascia proseguire. La risposta nerazzurra arriva al 22′: Favasuli effettua un traversone dalla sinistra per il colpo di testa di Carparelli, Bremec blocca senza difficoltà. Alla mezzora  i rossoblu confezionano una rete da cineteca: Di Deo innesca Sy  con un lancio telecomandato dalle retrovie, il francese brucia sullo scatto Raimondi e supera Lanni, proteso in uscita, con un pallonetto mancino. Al 40′ i pugliesi colpiscono il secondo legno dell’incontro: lo scatenato Sy appoggia al limite all’accorrente Garufo, l’esterno rossoblu scaglia un fendente che si stampa sul palo esterno e termina sul fondo. Tenta la via del gol anche Girardi al 42′: la sua palombella dal limite lambisce il montante. L’ultima opportunità della frazione (al 45′) è ancora appannaggio dei locali: il destro di Garufo da fuori area termina al lato.  Ad inizio secondo tempo il tecnico Semplici rimodula la sua squadra sul 3-5-2 e opera la prima sostituzione al 9′: entra Mosciaro, esce De Oliveira. E’ proprio il neo entrato (al 17′) a creare i presupposti per la marcatura toscana, infatti un suo cross dalla destra trova a centro area il piatto di Guidone che insacca. Iniziano le grandi manovre sulle due panchine con la conseguente girandola di sostituzioni. Secondo cambio in casa ospite al 21′: Reccolani avvicenda l’impresentabile Obodo. Immediata la risposta sullo scacchiere tattico da parte di mister Dionigi che sostituisce Chiaretti con Pensalfini. Il Taranto passa dal 3-4-1-2 al 3-5-2. Al  30′ giunge anche il secondo cambio dei pugliesi: l’esausto Girardi lascia il posto a Guazzo. Ultima sostituzione nelle fila pisane al 32′: entra Ton, esce Ilari. Anche il Taranto effettua l’ultimo cambio (tutto transalpino) al 36′: Rantier avvicenda Sy. Nei minuti di recupero (al 46′) viene espulso Fanucchi (per doppia ammonizione) a seguito di un fallo su Giorgino. Non servono i sei minuti di recupero al Pisa, perchè il Taranto controlla senza patemi fino al fischio finale.

TARANTO (3-4-1-2): Bremec; Sosa, Coly, Colombini; Antonazzo, Giorgino, Di Deo, Garufo; Chiaretti (22′ p.t. Pensalfini); Sy (36′ s.t. Rantier), Girardi (30′ s.t. Guazzo). A disposizione: Barasso, Prosperi, Panarelli, Branzani. All. Dionigi

PISA (4-3-1-2): Lanni; Gimmelli, Raimondi, Stendardo, Favasuli;De Oliveira (9′ s.t. Mosciaro), Obodo (21′ s.t. Reccolani), Fanucchi; Ilari (32′ s.t. Ton); Guidone, Carparelli. A disposizione: Pugliesi, Anselmi, Calori, Sereni. All. Semplici

Arbitro: Adduci di Paola (ass.ti Grillo di Molfetta – Falanga di Torre del Greco)
Marcatori: 9′ p.t. Chiaretti (T), 30′ p.t. Sy (T), 17′ s.t. Guidone (P)Ammoniti: Chiaretti, Sosa, Giorgino per il Taranto; Fanucchi, Carparelli, Gimmelli per il Pisa
Espulso: al 39′ s.t. Semplici (all. Pisa), 46′ s.t. Fanucchi (Pisa)
Angoli: 4-2 per il Taranto
Spettatori: 3.500 (50 ospiti)

Sala stampa

Dionigi (all. Taranto). Soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi, il mister jonico esordisce analizzando l’incontro: “Ho visto un ottimo Taranto nel primo tempo, abbiamo creato tanto, segnato due reti e colto due pali. Inoltre ci sono due episodi da rigore che vorrei rivedere. Nella ripresa siamo partiti con l’intenzione di controllare la gara. Abbiamo subito la rete sul loro unico tiro in porta. Purtroppo nella circostanza c’è stata una piccola indecisione di Cillo (Colombini ndr). Ad ogni buon conto sono soddisfatto della prestazione della retroguardia e del resto della squadra. E’ chiaro che sarebbe stato impossibile mantenere gli stessi ritmi del primo tempo per tutti i novanta minuti”. Lecito “stuzzicare” il tecnico sui due calci di rigore invocati dai rossoblu nel primo tempo. “Vorrei rivederli entrambi sia il fallo di mano in area (di Raimondi ndr) che l’atterramento di Chiaretti. A parte questi episodi, la direzione di gara ha arbitrato discretamente”. L’argomento del giorno, comunque, è la nuova coppia  offensiva formata da Sy e Girardi. Dionigi spiega il “ritardo” nel vederli insieme dal primo minuto. “Ho ritenuto opportuno lanciare Sy dal primo minuto nella gara odierna. Sia lui che Girardi sono elementi nuovi, dunque se avessi affrettato i tempi avrei rischiato di bruciarli. Coppia spendibile dal primo minuto anche in trasferta? Certo. Le scelte operate le mercato di gennaio mi permettono di avere giocatori interscambiabili per varietà di caratteristiche. Per questo posso farli indifferentemente ruotare nel tridente offensivo. Questo tipo di opportunità mi era preclusa prima di gennaio, in quanto avevo in organico attaccanti con le medesime caratteristiche”.  D’obbligo una sbirciatina alla classifica e alla zona play off. In merito Dionigi ha le idee chiare: “In settimana ho parlato ai ragazzi dicendogli di non guardare alle altre squadre, ma solo in casa nostra. Ci sono undici partite in cui dobbiamo puntare alla vittoria. Non servono tabelle, del resto sappiamo quanti punti saranno necessari per conquistare i play off. Siamo anche consapevoli che dovremo vincere almeno una gara in trasferta, magari proprio quella che ci attende a Lucca. Sapete, spesso la vittoria può arrivare anche in un incontro insperato”

Semplici (all. Pisa). Appare contrariato nel dopo gara il tecnico nerazzurro: “Abbiamo regalato un tempo al Taranto che è una squadra in salute. Abbiamo approcciato male le gara mettendo poca determinazione. Le reti subite? Nella prima abbiamo permesso a Chiaretti di percorrere indisturbato 25 metri di campo. Nella seconda, invece, ci siamo fatti sorprendere da un lancio dalle retrovie, poi Sy è stato abile a superare il nostro portiere in uscita”. Semplici giustifica le sue scelte iniziali e i cambi in corso d’opera. “La scelta di Obodo davanti alla difesa mi era utile per limitare l’azione di Chiaretti. Le cose non sono andate per il verso giusto e nella ripresa siamo passati a tre dietro mutando impianto di gioco (3-5-2 prima e 3-4-3 successivamente ndr). Sicuramente siamo andati meglio ma, lo ribadisco, non mi è piaciuto l’approccio mentale della squadra alla gara”. Due parole vengono spese dal tecnico per chiarire le cause della sua espulsione nel finale di gara. “Ho protestato in maniera veemente e continuata, perchè, sistematicamente, sparivano i palloni quando la palla finiva fuori dal terreno di gioco”. Inutile celare l’attuale momento di crisi dei toscani, Semplici però indica la strada da seguire. “Abbiamo dimostrato –afferma- di avere delle problematiche che dobbiamo risolvere al più presto con il lavoro e poche chiacchiere. Bisogna uscire da questa situazione con grinta e determinazione. Dobbiamo capire alla svelta che rischiamo di retrocedere”

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni4 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi