Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) La Tessera del tifoso si è dimostrata un flop. La card imposta dal ministro dell’Interno Roberto Maroni non ha centrato gli obiettivi prefissati, meno che mai quello di riportare la gente negli stadi. Il calo progressivo degli spettatori, cui ha fatto da pericoloso contraltare la vistosa crescita degli utenti da salotto delle pay tv, ha trasformato gli stadi in cattedrali nel deserto (nella foto: i non tesserati della curva Fiesole al Franchi di Firenze).

Un fallimento determinato anche dall’atteggiamento dei club professionistici, che nulla hanno fatto per incentivare i tifosi a utilizzare una Tessera subita passivamente (anche un po’ vigliaccamente) come un provvedimento preso dall’alto e perciò inevitabile. La card è stata vista come un mero strumento di polizia, facendo venire meno tutte le iniziative correlate al progetto originario del Viminale.

Quando mai i club hanno fatto partire gli sconti, le facilitazioni, gli accessi privilegiati e tutte gli altri incentivi insiti nello spirito della Tessera? Quando mai nelle varie assemblee di Lega si è parlato dei bisogni dei tifosi, vera architrave di un sistema che senza di loro comincia vistosamente a scricchiolare? Niente di tutto ciò. Solo un litigioso parlottare di soldi da dividersi, di diritti televisivi da accaparrarsi, di pay tv sempre più intrusive a cui vendere giorno dopo giorno l’anima del calcio.

Presso il Ministero dell’Interno è stata convocata oggi una riunione che avrà come tema la Tessera. L’ha indetta il presidente dell’Osservatorio per le manifestazioni sportive, Pietro Ieva. Si tratta di monitorare lo stato delle cose in vista della prossima stagione agonistica. Parteciperanno anche le Leghe (Serie A Tim, Serie Bwin, Lega Pro) alle quali verrà chiesto cosa è stato fatto di concreto per  i circa 800mila tifosi sottoscrittori.

La Tessera resta un buco nero del sistema. Il fatto è che si aggiunge ai tanti altri buchi neri che hanno finito per sforacchiare il pianeta calcio al punto da fargli perdere ogni ragionevole consistenza. Un passo indietro da parte di tutti, indice di ammissione di responsabilità e segno di rispetto verso i tifosi, sarebbe già un buon inizio da cui ripartire. 

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi