Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) L’assemblea di Telecom Italia sembra chiudere lo spiraglio che si era aperto per il salvataggio di Dahlia tv. Il piano messo a punto da Filippo Chiusano (QUI i particolari, ndr) prevedeva alcuni passaggi preliminari e una serie di risposte positive.

Il gruppo svedese Wallenberg (socio di maggioranza della televisione a pagamento) e la Lega Serie A Tim si erano dimostrati pronti a sottoscrivere l’accordo. All’appello mancava però il parere di TI Media (consociata di Telecom e azionista di minoranza di Dahlia) ritenuto vincolante dai venti club della massima serie nazionale, come aveva precisato subito dopo l’assemblea il presidente Maurizio Beretta.

Giovanni Stella, amministratore delegato di Ti Media, è stato chiaro: “Ritengo poco probabile che si riesca a chiudere in modo positivo questa trattativa”. Poi ha spiegato, come riporta repubblica.it: “Non ci sono le condizioni per l’operazione. Per adesso non ho chiuso la banda a Dahlia per non generare gravi danni a Ti Media, ma presumibilmente succederà entro fine mese”.

“Sono in corso delle negoziazioni  –  ha proseguito l’ad di Ti Media -, ci hanno chiesto di fornire la banda e noi ci siamo detti disponibili a un prezzo che sia incentivante come lo è per altri canali e abbiamo chiesto che questa banda sia garantita da una fidejussione bancaria. Ti Media fa tutto quello che è nelle sue possibilità, ma non posso essere un istituto di beneficenza”.

Il fatto è che entro venerdì prossimo, vale a dire tra meno di 48 ore, scade il tempo limite fissato dal liquidatore Mauro Paoloni per raggiungere un accordo alternativo al fallimento. Salvo fatti nuovi dell’ultima ora, Telecom Italia Media ha di fatto staccat la spina e messo la parola fine alla pay tv svedese.

A questo punto la chiusura di Dahlia sembra ormai in dirittura d’arrivo. Nessuno ha tenuto conto finora delle 150 famiglie che saranno messe sul lastrico, che salgono a 500 con l’indotto, solo perchè qualcuno ha deciso di imbarcarsi in un’avventura che fiananziariamente non era in grado di sostenere. Un’altra brutta storia italiana.

Sotto il profilo calcistico un grosso problema per gli otto club di Serie A e i ventidue di Serie B che resteranno mediaticamente oscurati. Senza contare il colpo ai bilanci determinato dal mancato introito delle cifre pattuite e lo smacco per i 270mila abbonati. Un altro duro colpo per il calcio italiano, sempre più alla deriva come la società che lo ospita.

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni4 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi