Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Antonio Di Nunzio) La Virtus Lanciano vince 1-0 contro l’Andria, con il sesto goal in Campionato di bomber Di Gennaro, che diventa il primo realizzatore della squadra frentana. La Virtus che resta vicina al quinto posto play-off distante solo 3 punti. L’Andria esce dal Biondi a mani vuote, soprattutto oltre il risultato è mancata la prestazione e quella concretezza che non deve mai mancare alle squadre che lottano per la salvezza.

Primo tempo: Inizio soporifero, le due squadre stentano a decollare, tanto possesso palla della Virtus, che però non trova sbocchi in avanti. Per trovare la prima emozione dobbiamo aspettare il 18’p.t. Virtus in avanti con un cross di Titone, sponda di petto di Zeytulaev, Di Gennaro dal dischetto controlla e prova la girata, la conclusione termina alta sopra la traversa. Quattro minuti più tardi ancora i rossoneri in avanti, Colombaretti dalla destra serve dentro per Zeytulaev che tenta un tiro il quale sibila alla sinistra di Spadavecchia e termina fuori. Al 25’p.t. i padroni di casa vanno in vantaggio, sugli sivluppi di un corner battuto da Mammarella, Titone è steso da Paolucci in area di rigore, il Sig. Aureliano non ha dubbi ammonizione per il giocatore dell’Andria e penalty, sul pallone si porta Di Gennaro che trafigge Spadavecchia ed è 1-0. Il goal della Virtus rompe la noia e la partita ci regala un finale di tempo emozionante, minuto 30’ p.t. errato rinvio di Chiodini che regala palla in area a Berretti, l’attaccante ospite dribbla Antonioli e prova un diagonale su cui Chiodini in uscita para riscattandosi dell’errore precedente, l’Andria spreca un occasione colossale per il pareggio. Due minuti più tardi padroni di casa in avanti punizione dalla sinistra, sul pallone Mammarella che crossa a giro sul secondo palo, tutto solo Colombaretti di testa fa la torre per Di Gennaro che tira a botta sicura, Spadavecchia ribatte prodigiosamente evitando il 2-0 dei rossoneri.  Al 34’p.t. ospiti pericolosi, Doumbia va via sulla sinistra a Colombaretti mette al centro per l’accorrente Paolucci che dal limite prova il tiro, Chiodini blocca sicuro. Quattro minuti più tardi ancora Andria in avanti, lancio di Paolucci per Del Core che anticipa Romito e prova il tiro, la conclusione termina di poco a lato della porta di Chiodini. L’ultima emozione della prima frazione  al minuto 44’p.t. ed è di marchio bianco azzurra, Doumbia mette al centro per Del Core che tira al volo prodigioso di Chiodini evita un goal che sembrava già fatto. Il primo tempo termina dopo un minuto di recupero, con la Virtus Lanciano avanti 1-0 sull’Andria.

Secondo tempo:  La seconda frazione come la prima stenta a decollare, la prima emozione è per i padroni di casa al 13’s.t. Di Cecco ruba palla sulla trequarti offensiva s’invola verso la porta salta Spadavecchia, ma nel dribbling si defila,  prova a scaricare per Di Gennaro il cui tiro finisce a lato, sfuma l’opportunità per il pareggio. Nella fase centrale del secondo tempo, le due squadre lottano e corrono, ma non riescono ad essere incisive ed è la noia a farla da padrona. Nel frattempo i due allenatori provano a cambiare le sorti del match con i cambi: Mister Papagni getta nella mischia, Anaclerio, Minesso e Moro per Coletti, Nicolao e Doumbia, sull’altra sponda Camplone cambia due terzi del tridente offensivo facendo  uscire Titone e Di Gennaro sostituendoli con D’Aversa e Colussi. Nonostante i cambi il match non decollo le ultime due emozioni sono per i padroni di casa, al 30’s.t. Sacilotto salta un paio d’uomini e prova un tiro dai 25 metri Spadavecchia blocca, il giocatore rossonero si guadagna gli applausi del pubblico frentano per il buon gesto tecnico. Due minuti più tardi ancora Virtus in avanti, sponda di Artistico per Mammarella che calcia al volo, Spadavecchia respinge e la retroguardia dell’Andria spazza il pallone. E’ questa l’ultima emozione del match che si conclude dopo 5 minuti di recupero, la Virtus Lanciano batte l’Andria per 1-0

Commento finale: La Virtus Lanciano ottiene la seconda vittoria casalinga consecutiva , tenendosi attaccata alla zona play-off, nonostante la settimana passata sia stata una delle più difficili della stagione con la panchina di Mister Camplone non saldissima. Ora la Virtus avrà due settimane per preparare la trasferta di Terni contro la Ternana, in cui sarà chiamata a dare una prova di forza per puntare decisa alle zone alte della classifica. L’Andria è attesa dopo la sosta da due match difficili (Foggia in casa e in trasferta con la Juve Stabia), qui la squadra di Mister Papagni dovrà cercare di far punti, cercando di mostrare più e più grinta di quanta ne ha mostrata oggi in terra d’Abruzzo

VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Chiodini; Amenta, Romito, Antonioli; Colombaretti, Di Cecco (C), Sacilotto, Mammarella; Titone (35’s.t. D’Aversa), Di Gennaro (44’s.t. Colussi), Zeytulaev (44’p.t. Artistico). A disp.: Aridità, Improta, Vatola, Tamasi  All. Camplone.

ANDRIA BAT (4-4-2): Spadavecchia; Fazio, Sibilano, Di Bari, Nicolao (38’s.t. Moro); Statella, Paolucci, Coletti (20’s.t. Anaclerio), Doumbia (25’s.t. Minesso); Del Core, Berretti. A disp.: Palazzi, Pierotti, Di Simone, Evangelisti.  All. Papagni

ARBITRO:  Aureliano di Bologna
MARCATORI: 25’p.t. Di Gennaro (rig.)
NOTE: terreno in discretee condizioni. Spettatori:  800 circa . Ammoniti: 25’p.t. Paolucci, 28’p.t. Doumbia, 41’p.t. Coletti, 41’p.t. Titone, 44’p.t. Zeytulaev, 46’s.t. Spadavecchia Angoli: 5  Virtus Lanciano, 1 Andria. Fuorigioco:  0 Virtus Lanciano, 6  Andria Recupero: 1‘ p.t, 5’s.t.

Antonio Di Nunzio – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi