Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Gianluca Napolitano) Benevento ancora bello di notte. Posticipo piacevole quello andato di scena al Ciro Vigorito tra Benevento e Cosenza che hanno dato vita ad una partita, soprattutto nella prima frazione di gioco, ricca di emozioni. Galderisi conferma i nove undicesimi della vittoriosa trasferta di Terni. Le uniche novità riguardano l’ingresso di Bianco a centrocampo al rientro dopo aver scontato il turno di squalifica e di Bueno centroattacco al posto di Evacuo non in perfette condizioni fisiche, ma comunque presente in panchina. Mister De Rosa dal canto suo, rinforza la difesa con l’inserimento di Ungaro. Recuperati in extremis il centrocampista Roselli ed il bomber Biancolino, entrambi tra gli undici titolari.  

PRIMO TEMPO: Oltre 3000 gli spettatori presenti in una serata umida con una leggera foschia. Campo di gioco viscido ma in buone condizioni nonostante la leggera pioggia caduta in giornata. Si inizia con un minuto di raccoglimento in memoria del soldato morto in Afghanistan. Primo tempo piacevole con il Benevento a fare la partita ed il Cosenza bravo a proporsi con delle rapide ripartenze. Le danze si aprono già al 2’ con capitan Clemente che da oltre 25 metri calcia verso De Luca, palla fuori non di molto. Ancora Benevento al 6’ con Bueno che ben servito in profondità calcia in corsa, De Luca è bravo nell’occasione a respingere di piede, sul prosieguo dell’azione nulla di fatto. Il Benevento spinge e si rende ancora pericoloso con Pintori all’8’ che, ben servito di testa da Bueno, calcia dalla destra con la palla che termina di poco a lato. Ma ecco che al primo vero affondo in area giallorossa il Cosenza inaspettatamente passa in vantaggio grazie all’ex nazionale Stefano Fiore che si invola sulla sinistra e probabilmente nel tentativo di crossare, trova una parabola che non lascia scampo all’esterrefatto Paoloni. Calabresi avanti. Il Benevento non ci sta’ e tenta subito di riequilibrare la gara. Al 17’ rete annullata a Bueno, pescato in un fuorigioco. Dopo due minuti arriva puntuale il pareggio giallorosso con capitan Clemente (nella foto) che ben servito da un cross dalla destra, difende palla e si gira lasciando partire un tiro velenosissimo a filo d’erba, gran bel goal per preparazione e conclusione. Dopo tre minuti arriva il raddoppio. Clemente si procura e calcia una punizione dal limite, De Luca non trattiene, irrompe La Camera ed il raddoppio è cosa fatta tra il tripudio del Ciro Vigorito. De Rosa corre ai ripari dentro Essabr al posto di Ungaro per un Cosenza con un assetto più offensivo. Al 34’ Zito scende sulla fascia di competenza ed effettua un tiro cross velenoso con palla di poco alta sulla traversa. Dopo due minuti si rivede il Cosenza con il più piccolo dei Fiore che cerca il tiro a giro sul secondo palo, solo un brivido per i tifosi di fede giallorossa. Dopo un minuto di recupero termina un bel primo tempo, ben giocato dal Benevento che ha meritato il vantaggio acquisito.

SECONDO TEMPO: La seconda frazione di gioco inizia con un cambio anche in casa giallorossa D’Anna al posto di Pedrelli,con La Camera arretrato a sorpresa sulla linea difensiva. Al 3’ seconda sostituzione per i giallorossi, La Camera claudicante lascia il posto al giovane Formiconi. Al 15’ pericolo in area giallorossa. Biancolino al centro dell’area colpisce di testa, Paoloni in tuffo devia sulla sua sinistra, ma il direttore di gara ferma tutto per un fuorigioco dello stesso Biancolino. La partita stazione sulla zona nevralgica del campo. Minuto 27 il Benevento finalmente cala il tris: azione di contropiede con D’Anna che serve Pintori sulla corsa, il folletto giallorosso però viene anticipato in uscita dal portiere De Luca che si allunga la sfera fuori area, riprende ancora Pintori che crossa al centro dove Bueno insacca. Ma il direttore di gara ferma tutto concedendo un calcio di rigore ed espellendo il calabrese Roselli per un fallo di mano, ignorando nella circostanza la regola del vantaggio. Bueno non si fa problemi e dal dischetto con estrema freddezza spiazza De Luca per il 3 a 1. La partita scorre stancamente verso la fine, con il Benevento che controlla con molta attenzione i residui e sterili attacchi calabresi. L’unica ansia in casa giallorossa la concede il direttore di gara Gavillucci di Latina che a circa 10 minuti dalla fine si fa medicare dallo staff sanitario sannita per un leggero infortunio, ma per fortuna riprende regolarmente il suo posto in campo. La gara termina dopo 3 minuti di recupero e con i giallorossi a festeggiare al centro del campo, insieme al proprio pubblico, un secondo posto solitario, sicuramente importante in chiave play-off.

SALA STAMPA: Mister De Rosa, visibilmente deluso: Avevamo preparato bene questa gara, peccato per aver commesso delle ingenuità sui 20 metri, lasciando troppi spazi a giocatori bravi come Clemente e Bueno. Ora bisogna continuare a lottare per ottenere l’obiettivo salvezza. Soddisfatto invece il D.S. giallorosso Mariotto: Una vittoria importante per il raggiungimento dei play-off. Ora bisogna continuare a lavorare per difendere questa posizione nelle prossime difficili gare.

BENEVENTO: (4-2-3-1) Paoloni; Pedrelli (45′ D’Anna), Siniscalchi, Signorini, Zito; Bianco, Grauso; La Camera (48′ Formiconi), Clemente (67′ Mounard), Pintori; Bueno. A disp.: Corradino, Palermo, Pacciardi, Evacuo. All.: Galderisi

COSENZA: (4-4-1-1) De Luca; Ungaro (24′ Essabr), Cotroneo, Thacray, Fernandez; A. Fiore, Aquilanti, Roselli, Matteini (67′ Giacomini); S. Fiore (76′ Evola); Biancolino. A disp.: Marino, Scarnato, Martucci, Degano. All.: Luigi De Rosa
Arbitro: Claudio Gavillucci di Latina
Marcatori: 11′ S. Fiore (C), 19′ Clemente, 22′ La Camera, 73′ Bueno su rig.
Ammoniti: Signorini, Fernandez, Roselli e A. Fiore per gioco scorretto.
Espulso: Roselli per doppia ammonizione
Note: Spettatori oltre 3.000. Recupero 1′ pt, 3′ st.

Gianluca Napolitano – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi