Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Diego Stocchi Carnevali) Siamo ufficialmente entrati negli ultimi due mesi di campionato, ultimo quarto di stagione che in un modo o nell’altro sembra aver già aver consegnato il Gubbio al prossimo torneo cadetto: non fa più notizia ormai la diciottesima vittoria stagionale dei ragazzi di Vincenzo Torrente che sbancano il difficile campo della Reggiana grazie a un calcio di rigore trasformato dal giovanissimo attaccante scuola Milan Donnarumma. Per gli emiliani si tratta della quarta sconfitta consecutiva e la classifica inizia a farsi davvero preoccupante con appena quattro lunghezze di vantaggio sulla quintultima piazza, mentre la capolista porta a dieci i punti di vantaggio sul Sorrento bloccato sul nulla di fatto a Ferrara da una veemente risposta della Spal che, dopo cinque sconfitte consecutive, blocca l’emorragia e regala al proprio pubblico un pareggio strameritato. Sembra ormai chiaro che uno dei quattro posti in chiave playoff sarà dell’Alessandria di mister Sarri: sotto in casa contro il Verona che va momentaneamente avanti grazie all’uruguagio Vergini, i grigi prima trovano il pari con Martini poi è il solito Artico a tempo ormai scaduto a trovare il pesantissimo gol della vittoria che tiene a debita distanza Salernitana e Bassano a loro fermate sul pari rispettivamente contro Monza e Sudtirol.

Al “Brianteo”, mister Breda cerca a tutti i costi i tre punti per proseguire la striscia positiva ma alla fine a trionfare sono soprattutto le polemiche per il gol del momentaneo 3 a 2 siglato dai lombardi da Iacopino con un calciatore campano a terra che ha fatto e non poco arrabbiare l’intero entourage granata. Una doppietta di Iacopino (un gol dei quali su rigore) e la marcatura di Djokovic non bastano al Monza che subisce l’iniziale svantaggio ad opera di Montalto e poi si fa rimontare dai difensori Altobello e Jefferson. Finisce invece senza reti al “Mercante”, dove alla fine il segno ics è più utile in chiave salvezza agli altoatesini di Sebastiani piuttosto che ai giallorossi di Jaconi che devono guardarsi dal difendere il quinto posto benché in questa giornata i risultati siano stati favorevoli, dove spicca su tutti l’incredibile tracollo del Lumezzane a Como. I lariani fanno capire che non ci stanno a conquistare la salvezza attraverso la lotteria dei playout e con un secco 3 a 0 firmato Maah e Germinale (autore di una doppietta) inchiodano la squadra di Nicola a un punto dagli spareggi promozione e portano a quattordici i punti conquistati sui diciotto disponibili nelle ultime sei gare con la terza vittoria consecutiva davanti al proprio pubblico. Davvero niente male.

Al contrario male, anzi malissimo lo Spezia che perde al novantesimo al “Picco” contro l’altalenante Cremonese, una sconfitta che costa il posto a mister Pane (richiamato D’Adderio), pesantemente contestato a fine partita: vantaggio iniziale inutile dei liguri con Buzzegoli prima che i grigiorossi, in dieci uomini, trovino prima il pari con Stefani dagli undici metri poi, al novantesimo, il gol vittoria con Coda. Pari senza emozioni e con la paura di vincere a farla da padrone al “Voltini” di Crema con la Paganese di Capuano che trova il primo punto del campionato lontano da casa contro il Pergocrema ma che lascia entrambe relegate in una posizione precaria di classifica, così come pericolosa è la situazione del Pavia che perde senza attenuanti a Ravenna grazie alla doppietta siglata dall’ex Paolo Rossi che consente ai romagnoli ora di sognare in grande per il finale di stagione.

Diego Stocchi Carnevali – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 giorni fa

Serie A Calcio Femminile, nuovi orizzonti per nuove prospettive

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il lontano 22 agosto 2020. La...

Editoriali5 giorni fa

Serie A Femminile, tutto il bello della domenica

Il calcio era entrato in crisi molto prima della pandemia. Veniva fatto correre a rotta di collo lasciando pochissimo spazio...

Editoriali1 settimana fa

Serie A Femminile, a proposito di “mission” e nuovo corso

La transizione verso il professionismo della Serie A Femminile – fortemente voluta dal presidente della Figc Gabriele Gravina e sostenuta...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile, ad aprile si è giocato solo una volta!

Calciopress, con due successive riflessioni, ha sottolineato l’incredibile durata del campionato di Serie A Femminile stagione 2020-21 >>> LEGGI: “Serie...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A Femminile e l’ossigeno della “meglio gioventù”

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili>>>“Serie A Femminile  e ruolo dei...

Opinioni2 settimane fa

Alla Serie A Femminile serve un professionismo di sostanza

Nei mezzi di comunicazione di massa più influenti le notizie sono sempre ridotte ai minimi termini. Stiamo parlando del campionato...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile, il ruolo cruciale del Centro Sportivo

È stato detto che la Divisione Femminile ha due anime. Una radicata nel professionismo maschile e l’altra di matrice dilettantistica. La seconda anima...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film