Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Enrico Losito) Non fa più notizia l’ennesima vittoria della Nocerina. Ai molossi è sufficiente la marcatura di Negro all’alba del confronto (8′ p.t.) per avere la meglio sulla volenterosa e sfortunata Ternana. Di contro proprio le fere recriminano per un rigore non concesso dall’arbitro per un atterramento in area campana di Nolè. In altre circostanze gli uomini di Giordano incontrano sulla propria strada le prodezze del portiere rossonero Gori.

Una splendida girata di Evacuo al 33′ del primo tempo permette al Benevento di superare il coriaceo Pisa consolidando la seconda piazza in classifica. Incontro poco spettacolare, ben giocato comunque dai toscani che sfiorano la rete nella prima frazione con Carparelli e, a metà ripresa, con Ilari (traversa). Poi la splendida realizzazione dell’attaccante giallorosso fa pendere l’ago della bilancia dalla parte campana. 

La marcatura di Mazzeo al 40′ del primo tempo illude l’Atletico Roma allo “Zaccheria” di Foggia. Perentorio il ritorno dei satanelli, che sbrigano la pratica capitolina nella ripresa grazie alle doppietta di Sau (22′ e 27′) e alla segnatura realizzata da Insigne a nove minuti dalla termine della partita. Eppure la prima parte di gara era stata caratterizzata dal predomino degli ospiti, passati  legittimamente in vantaggio. Diverso il copione nella ripresa con l’undici di Zeman pronto a scatenare le sue bocche di fuoco avanzate, agevolate nel compito dall’espulsione del difensore avversario Mazzarani. Sul 3-1, a risultato ormai acquisito, l’Atletico resta anche in nove per l’espulsione di Doudou.

Prosegue spedita la marcia della Juve Stabia verso i play off. Le vespe vincono in casa contro un rimaneggiato Andria per 3-1. Fulmineo il vantaggio dei ragazzi di Braglia che passano al 2′ con un tap-in di Albadoro. I pugliesi reagisco raggiungendo il pari per merito di Moro. Trascorrono solo sette minuti per la nuova marcatura di Albaroro che griffa la sua personale doppietta. Gli ospiti sono combattivi e vanno vicini al pareggio, ma un colpo di testa di Corona al 20′ della ripresa chiude definitivamente i conti. Agli uomini di Papagni non resta che leccarsi le ferite dopo la quarta sconfitta consecutiva.

Una autentica maledizione attanaglia il fanalino di coda Cavese. Gli aquilotti cadono al “Porta Elisa” di Lucca, dopo avere colpito un palo, due traverse e sbagliato il penalty del pari con Alfano (conclusione respinta da Pennisi) a cinque minuti dal termine dell’incontro. Ringrazia la sorniona Lucchese che sblocca il risultato al 23′ del primo tempo con Carloto, lesto a sfruttare un’indecisione difensiva dei blufoncè. Vincono i toscani per 1-0.

Il Lanciano piega le velleità play off del Siracusa. Al “Guido Biondi” è risolutivo il colpo di testa di Titone al 31′ del primo tempo. A complicare ulteriormente la gara agli aretusei ci si mette Mancosu, che si fa espellere alla fine della prima frazione per un inutile fallo di reazione sullo stesso Titone. Nella ripresa i frentani controllano gli sterili attacchi avversari portando a casa tre punti utili per la rincorsa alle zone alte della classifica.

Si dividono la posta Viareggio e Gela. Il canovaccio del confronto vede i toscani (padroni di casa) protesi in avanti con gli ospiti attenti a rintuzzare in ripartenza. Proprio su una trama in contropiede, i siciliani passano in vantaggio, al 21′ del secondo tempo, per merito dell’opportunismo di Docente. Gli uomini di Ammirata, però, mancano il colpo del definitivo K.O. e vengono puniti dalla rete realizzata in mischia da Bocalon a sei minuti dalla fine del match. I viareggini avrebbero anche l’opportunità di vincere la partita, ma trovano sulla propria strada le strepitose parate di Nordi. Finisce 1-1.

Pari giusto nel derby pugliese Barletta-Taranto. A prevalere durante la gara sono tatticismo e paura di perdere. Poveri i contenuti tecnici, sopratutto nel primo tempo in cui latitano le occasioni da rete. Sicuramente più vivace la ripresa con le due squadre che riescono a produrre trame di gioco accettabili ed alcune palle-gol. Il finale a reti inviolate accontenta entrambe le compagini che possono continuare ad inseguire i rispettivi obiettivi: da una parte il Barletta per la conquista della salvezza, dall’altra il Taranto, all’ottavo risultato utile consecutivo, per agguantare i play off.

Allo 0-0 di giornata si materializza tra Foligno e Cosenza. Le recriminazioni principali sono dei falchetti che provano a scardinare infruttuosamente la difesa silana per gli interi novanta minuti. L’attacco umbro, però, è poco ficcante e i calabresi riescono a contenere fino al termine le sterili “sfuriare” dei padroni di casa.

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film