Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) Le parole hanno un senso e un peso. Per questa ragione si dovrebbe dire ciò che si pensa e pensare ciò che si dice. Non sempre è possibile, in un mondo regolato dalle convenzioni. Il più spesso è opportuno appiattirsi su riflessioni diplomatiche nella forma, ma ipocrite nella sostanza.

Se è vero che questa scelta preserva le relazioni tra gli umani, pericolosamente compromesse in questi tempi opachi, è comunque liberatorio assistere alle discussioni dei bambini. Loro si che riescono a essere spontanei, liberi come sono dalle sovrastrutture mentali degli adulti.

Quando si vuole essere davvero capiti, basterebbe saper parlare come un bambino di cinque anni (l’avvocato Denzel Washington in “Philadelphia”, maestro in materia, docet). Tutto allora sarebbe più chiaro e più vero. Ma siamo nel campo dell’utopia.

A tutto, però, c’è un limite. Nel pianeta calcio sono state dette troppe parole vuote, prive di senso e di peso. Vacue promesse, lasciate evaporare confidando sulla labilità della memoria. Parole che se le porta via il vento. L’inazione dei vertici, persi dietro ai loro arzigogoli mentali, ha causato danni ormai (quasi) irreparabili.

Per nostra fortuna c’è ancora, nel mondo pallonaro, chi sa esprimersi come si deve. Chi si serve di parole che nascono dal cuore, sincere perché dettate dall’amore per le maglie.

Ci riferiamo ai tifosi, che si portano dentro per tutta la vita il lato infantile che li rende così speciali. Un atteggiamento dell’animo che li contrappone, con la spontaneità del loro dire e del loro fare, al vuoto pneumatico creato da vertici federali apatici e disattenti.

Non sono certo i tifosi da soli a tenere a galla una barca piena di falle. Ma senza i tifosi eterni bambini, incapaci di perdersi nelle parole vuote e ipocrite dei dirigenti che li rappresentano, il calcio avrebbe tirato giù il bandone da un pezzo.

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

 

 

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali2 mesi fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi