Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Bi. Ros.) Il presidente del Milan, Silvio Berlusconi, si affretta a innestare una rapida retromarcia sulla possibilità di far vestire a Cristiano Ronaldo la maglia rossonera.

Il sogno di portare il campione portoghese alla corte di Allegri si spezza, non certo per il frutto di un’improvvisa folgorazione del premier-patron.

Il fatto è che Berlusconi si è ricordato, al’improvviso, di aver speso un mucchio di soldi per la passata campagna acquisti. Una circostanza che sarà acclarata dall’imminente pubblicazione del deficit di bilancio, la cui entità sarà resa nota in occasione del Cda in programma mercoledì scorso.

Un’eventualità che non è più concessa ai club, perché i tempi stanno cambiando. L’introduzione del Financial Fair Play (ffp), introdotto da Michel Platini e preliminare alla concessione delle Licenze Uefa , pesa come una spada di Damocle soprattutto sui club italiani (leggete QUI i particolari del ffp, ndr).

Le società calcistiche del Belpaese sono tanto spendaccione quanto ancorate, per i ricavi, ai soli proventi dei diritti tv. Senza le pay tv, fin qui galline dalle uova d’ora, molti club italiani sarebbero nel baratro.

Ne è perfettamente consapevole Adriano Galliani: “Il fair play finanziario fa male all’Italia, non ci potranno essere più i mecenati che intervengono con i loro capitali”. “Le squadre italiane, che non hanno stadi di proprietà nè agevolazioni fiscali, fatturano molto meno rispetto alle big europee e per questo saranno molto penalizzate da queste nuove norme introdotte dall’Uefa – ha osservato Galliani a Sky.

L’ad del Milan fa i conti con la dura realtà con cui si dovrà confrontare il calcio italiano già dalla prossima stagione: “Il Real fattura 450 milioni, il Barca 430, il Manchester 360, il Milan 200-220. Fino ad ora ci sono stati i Berlusconi e i Moratti che supplivano. In futuro non sarà più possibile. Venti anni fa il Milan fatturava più del Real, oggi la metà. Così diventa una competizione difficile, questo è il problema vero “.

Bi. Ros. – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni6 giorni fa

Serie A Femminile a rischio invasione straniere: rafforzare i settori giovanili

Passa anche attraverso il ruolo cruciale del settore giovanile di ogni singolo club la transizione verso il professionismo della Serie...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi