Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Al. Bis.) Alla Sampdoria serpeggia la paura (nella foto, la Gradinata Sud dello stadio Ferraris di Genova).

Lo spettro della B incombe su un club che, a inizio di stagione, ha giocato addirittura i preliminari di Champions League con il Werder Brema (scivolando poi in Europa League).

Il telaio della squadra è stato smontato. Dolorose le cessioni di Cassano, Pazzini (e perché no anche Marilungo). Perdite che hanno spuntato le velleità offensive del club doriano e hanno contribuito ad acuire le ansie dei tifosi blucerchiati.

La strada verso la salvezza si è fatta tremendamente in salita. Ieri a San Siro il Milan dell’ex Cassano, molto rimpianto da queste parti, ha fatto polpette dei blucerchiati. La squadra non è stata mai in partita. Si è sfarinata subito, senza nemmeno provare a battersi. Giocatori allo sbando. La società, a sua volta, non sa più che pesci prendere. Mister Cavasin, chiamato al capezzale del club, continua a diffondere un ottimismo che non ha alcun sostegno nei fatti.

Le reazioni dell’ambiente sono state molto dure. Una serie di insulti (le scritte dicevano “serie A o morte”, “società pagliaccia”) era stata già tracciata con la vernice sulla porta d’ingresso del ‘Mugnaini’, il centro sportivo di allenamento del club, all’indomani della gara persa 2-1 con il Lecce.

Ieri si registra un agguato, nella notte. Il pullman della Samp, appena rientrata dalla pesante sconfitta di campionato contro il Milan, è stato assalito da un gruppo di tifosi a volto coperto. I teppisti hanno colpito il mezzo con pietre e bastoni e hanno minacciato i giocatori di morte in caso di retrocessione.

L’episodio è avvenuto poco dopo le due di questa mattina, nel parcheggio dell’Ac Hotel di Genova Quarto. A bordo del mezzo c’erano cinque giocatori, tra cui capitan Angelo Palombo, e il medico sociale, Amedeo Baldari.

Non si può dire che tiri una buona aria sotto la Lanterna, versante blucerchiato. La rabbia dei tifosi è sicuramente giustificata. Ma non è certo con questi mezzi che si potrà controbilanciare l’incredibile smantellamento della rosa voluto da Garrone né riparare agli esiti che sta determinando.

Al. Bis. – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni4 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi