Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Sul proprio sito web la Figc ha ufficializzato  la concessione delle Licenze Uefa. Sono state rilasciate a 12 club di Serie A e uno di Serie B.

Le società di Serie A sono Chievo Verona (che giocherebbe al Friuli di Udine), Fiorentina, Inter, Juventus, Lazio (che ha indicato come sede delle proprie gare interne lo stadio Franchi di Firenze), Lecce, Milan, Napoli, Palermo, Roma, Sampdoria e Udinese. Per la Serie B, licenza concessa al Torino.

La Lazio non sa ancora se il proprio destino nelle Coppe sarà in Champions o in Europa League. Sa per certo, però, che le partite casalinghe vuole giocarle lontano dall’Olimpico di Roma. La società capitolina ha infatti chiesto alla Figc di disputare le gare casalinghe della prossima coppa europea, qualunque essa sia, allo stadio Franchi di Firenze.

La ragione di questa scelta è molto pratica. Si tratta di aggirare la questione dei mancati pagamenti al Coni per l’utilizzo dell’Olimpico. I debiti accumulati finora dalla Lazio ammontano a 1,9 milioni di euro. La scelta del presidente Lotito (nella foto) consentirà di non ampliarne l’entità, ma resta intatto il problema di indicare un impianto a norma su cui giocare le partite di campionato.

Si legge al comma 1 dell’articolo 19 delle Noif (Norme organizzative interne federali) della Federcalcio che “le società debbono svolgere la loro attività sportiva nell’impianto sportivo dichiarato disponibile all’atto dell’affiliazione”. Il comma 2 stabilisce poi che “l’impianto sportivo di cui al precedente comma 1) deve insistere sul territorio del Comune ove le società̀ hanno la propria sede sociale. Su richiesta delle società, le Leghe, i Comitati e le Divisioni, in via eccezionale e per fondati motivi, possono autorizzare, secondo la rispettiva competenza, le medesime società svolgere le loro attività in impianti diversi”.

Il mancato rispetto di queste rigorose norme federali potrebbe comportare per il club biancoceleste il rischio di non vedersi concedere la Licenza Nazionale preliminare all’iscrizione al prossimo campionato di Serie A e anche l’eventualità di una possibile esclusione dal torneo.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 settimane fa

Coppa Italia Femminile: per conoscere meglio i 16 club di una serie B ad alto potenziale

Domenica 11 settembre prende il via la prima giornata della Fase a Gironi di Coppa Italia Femminile ➡️ il programma....

Opinioni3 settimane fa

Serie B Femminile: è possibile l’impresa di far concorrenza alla Serie A?

Da subito Calciopress ha ritenuto opinabile e affrettata la scelta di entrare nell’era professionistica del calcio femminile con una Superlega...

Editoriali4 settimane fa

La Nazionale, la Serie A e il professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

Un’estate torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa. Non...

Opinioni1 mese fa

Calcio femminile e ‘grande storia’ dei club: solo il tifo non è negoziabile

Il calcio è uno sport bellissimo, a prescindere dal genere. La sua valenza sociale riposa nella trasversalità del tifo, che...

Nazionale2 mesi fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 mesi fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale2 mesi fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi