Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) E’ infastidito il nipote di Peppino Meazza (nella foto). Federico Jaselli è il figlio di Silvana, una delle due figlie di quello che è ancora considerato il più grande giocatore italiano.

Il presidente del Milan sogna che il “Giuseppe Meazza” diventi il “Silvio Berlusconi”. L’attuale premier sostiene di essere il presidente che nella storia del calcio ha vinto di più al mondo. Anche più del grande Bernabeu del Real Madrid, al quale gli spagnoli hanno intitolato uno stadio.

Pronta la replica di Jaselli: “A livello personale, le frasi non mi hanno fatto piacere. Il premier, come molte persone, ha i suoi difetti. Di certo è un po’ megalomane e lo ha dimostrato anche in altre occasioni. Quelle sullo stadio mi sembrano frasi fatte più per provocare”.

“Può essere vero che è il presidente che ha vinto di più, ma l’uscita di ieri se la poteva risparmiare. Vabbè che a volte si fa i complimenti da solo. Comunque non credo accadrà, io sono un ottimista. Chi lo merita più di mio nonno? Lui lo ha meritato sul campo, anche se nella sua carriera ha giocato di più all’Arena. Se poi, dovessimo capire che ci si muove davvero in questo senso, allora qualcosa faremmo”, chiosa il nipote di Meazza.

Ma è proprio vero che Berlusconi ha vinto più di Bernabeu? Il quotidiano Repubblica di oggi respinge al mittente questa affermazione di Berlusconi come non veritiera e riporta i numeri che lo confermano.

Sul sito del Real sono attribuiti a Santiago Bernabeu 29 titoli(16 campionati, 6 Coppe Nazionali, 6 Coppe dei Campioni e 1 Coppa Internazionale), mentre il totale di Berlusconi arriva finora a 27 (7 scudetti, 1 Coppa Italia, 5 Coppe dei Campioni, 3 Coppe Intercontinentali e 5 Coppe Europee). Ecco perciò che Bernabeu batte Berlusconi 29-27.

Per avere San Siro intitolato al suo nome, forse, il premier deve ancora aspettare. Anche perché in questo stadio, fino a prova contraria, ha giocato  e gioca anche la mitica Inter della famiglia Moratti.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali12 ore fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali3 settimane fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato1 mese fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni1 mese fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi