Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) La dura polemica in corso tra Lazio e Coni sulla questione legata all’affitto dello stadio Olimpico di Roma (QUI i particolari, ndr), ha indotto il presidente del club biancoceleste Claudio Lotito a forzare la mano.

Il massimo dirigente della società capitolina, per ottenere la Licenza Uefa, ha chiesto infatti di giocare le partite interne delle Coppe europee (si tratti di Champions o Europa League) allo stadio Franchi di Firenze (QUI i particolari, ndr).

Una richiesta chiaramente provocatoria, quella di Lotito. Che gli ha comunque consentito di fare il punto sui rapporti con il Coni in merito allo stadio Olimpico e di esternare una serie di mal di pancia che si porta dentro da un bel po’ di tempo.

Il presidente del club biancoceleste ha tenuto a sottolineare la circostanza che “la Lazio è legata al Coni da un contratto ereditato dalla precedente gestione e che prevede il pagamento di un canone di euro 110mila circa a partita. Oltre all’affitto, il contratto prevede la messa a disposizione gratuita al Coni del seguente monte di biglietti (in totale 1311 ingressi omaggio, ndr)” :

  • 50% della tribuna autorità (115 posti);
  • due palchi d’onore per 25 posti;
  • intera tribuna d’onore destra (411 posti);
  • 60 posti in tribuna d’onore sinistra;
  • 400 posti in tribuna Monte Mario;
  • 200 posti di servizio;
  • 100 posti nei distinti;
  • altri benefits non specificati.

Al termine della lunga nota stampa Lotito enfatizza il fatto che “la necessità di rendere il mondo del calcio professionistico veramente autonomo deve costituire stimolo per il legislatore al fine di accelerare i lavori di approvazione della legge sugli stadi e deve essere spunto per l’opinione pubblica per valutare atteggiamenti che mal si addicono alla tutela dello sport sia nella sua pratica che nella partecipazione popolare”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film