Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress-Davide Lamberti) Sconfitta onorevole per la Cavese che cede in trasferta all’Andria pur non demeritando. Tante le occasioni create, due legni ma nessun gol realizzato. Fortuna che al Foligno, andato sotto di due gol col Benevento, non riesca la rimonta: Cavese ora a due punti dagli umbri ma con la sicurezza di meritare la salvezza, e la gara di ieri lo ha dimostrato. Unica novità per Dellisanti, l’innesto di Bacchiocchi al posto dello squalificato Di Napoli, con Alfano nel mezzo. Gara equilibrata in avvio. L’Andria attacca soprattutto a sinistra con Statella che al 4° va via a sinistra e il suo cross radente al centro è contrato da Cipriani che in scivolata colpisce col braccio sinistro ma l’arbitro valuta involontario. Fase di studio, poi si scuote la Cavese:  al 16° Camillo si libera sul destro e calcia dal limite, tiro non irresistibile, Sapdavecchia respinge male, arriva Schetter che da posizione defilata calcia sul fondo.  La gara è piacevole e l’Andria propone il solito canovaccio; ancora Statella infatti, al 22°, crossa in area, dopo un rimpallo la palla arriva a Minesso che da due passi mira di sinistro sul secondo palo ma calcia clamorosamente fuori.

Poco dopo gli aquilotti sfiorano il gol su una punizione di Ciano, deviata della barriera, che spiove all’incrocio e colpisce il legno. La Cavese preme nel finale di tempo alla ricerca del gol, Andria in difficoltà  e dalle radioline arriva la notizia del due a zero del Benevento a Foligno. Ma al 43°, su un cross dalla trequarti, Del Core solo in area piccola colpisce di testa, miracolo sulla linea di Pane che però non può nulla sul tap-in Minesso. Nella ripresa la Cavese le prova tutte al cospetto di un’ Andria guardinga e dedita al contropiede, che si sistema a 3 a centrocampo con Statella sul centrosinistra. Gli aquilotti fanno la partita e al 12° colpiscono un altro legno, stavolta con Sirignano che, solo a centro area su punizione di Camillo Ciano, di testa centra la traversa. Sul capovolgimento di fronte, l’unica azione andriese della ripresa, con Carretta che sfugge a Piscitelli e centra per Minesso; conclusione in corsa e gran parata bassa di Pane sul primo palo. La Cavese attacca e si rende pericolosa, ancora da corner di Camillo con Alfano che sbuca sul secondo palo e di testa manda fuori a porta sguarnita. Il forcing aquilotto è costante.

Alla mezzora palla filtrante dui D’Amico per il taglio di Schetter, diagonale sinistro in torsione respinto di piede da Spadavecchia. Poco dopo, Bacchiocchi mette al centro raso terra e Ceppitelli chiude su Turienzo con Spadavecchia fuori causa. L’Andria è solo ripartenze, ma la difesa ospite controlla. Dellisanti manda in campo anche Orosz e sposta Cipriani in attacco. Ma c’è poca lucidità e l’unica azione degna di nota arriva su una sponda di Turienzo con Schetter che svirgola la sforbiciata regalando palla a Spadavecchia. Dopo 4′ di recupero, il fischio finale di De Favero fa esplodere il caldo “Degli Ulivi”. Cavese però ancora a galla e accesso ai play-out rimandato allo scontro diretto di domenica prossima.

TABELLINO

ANDRIA BAT (4-2-3-1): Spadavecchia; Pierotti, Sibilano, Ceppitelli, Di Bari; Coletti, Paolucci; Minesso (dal 20°st Fazio), Berretti (dal 33°pt Carretta), Statella (dal 42°st Doumbia); Del Core.
A disp: Palazzi, Arcidiacono, Gaveglia, Nicolao.
Allenatore: Gianfranco Degli Schiavi.

CAVESE (4-3-3): Pane; M. Ciano (dal 33°st Orosz), Cipriani, Sirignano, Piscitelli;  Bacchiocchi, Alfano, D’Amico; C. Ciano, Bernardo (dal 19°°st Turienzo), Schetter.
A disp: Botticella, D’Orsi, Pepe, Zampa, Citro.
Allenatore: Franco Dellisanti.

Arbitro: Sig. De Faveri (S. Donà di Piave); ass.ti: Paglione-Cursio
Marcatori: 43°pt Minesso (A);
Ammoniti: Del Core (A)
Note: Recupero 4′ – 4′; Corner 11-2 per la Cavese. Spettatori 3000 circa. Giornata di sole, terreno in buone condizioni di gioco.

Davide Lamberti – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni13 ore fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato2 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali4 settimane fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film