Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – An. Ton.) La Sampdoria passa dai preliminari di Champions League con il Werder Brema alla bruciante sconfitta subita al Ferraris per mano del Palermo. Un risultato che costa ai doriani il ritorno in serie B, dopo otto anni, con una giornata di anticipo sulla fine del campionato.

Il cileno Pinilla, autore del gol della vittoria rosanero, al momento della marcatura non ha esultato. Neanche i suoi compagni si sono lasciati andare a gesti di gioia. Dirà poi Migliaccio che l’avversario si rispetta giocando, ma non è leale abbandonarsi a scene di entusiasmo per una rete che vale una retrocessione. Una bella prova di sportività e di sensibilità, che lascia comunque il segno in una partita pur così infausta per i colori blucerchiati

La Samp, che ha vissuto ieri una delle giornate più brutte della sua storia, lancia alcuni segnali positivi a un calcio italiano in preda a una devastante crisi di identità e di immagine.

Innanzitutto un elogio d’obbligo ai tifosi che ieri affollavano Marassi, per dare fino in fondo sostegno alle maglie. Hanno dimostrato con i fatti l’attaccamento alla squadra. Lacrime, amarezza, dolore si sono sprecati sulle tribune del Ferraris. Alla fine, però, solo cori e applausi. I sostenitori della Doria testimoniano che in Italia si può perdere (e andare in serie B) senza penosi isterismi. Dimostrano cosa voglia dire essere tifosi anche nelle circostanze più difficili. I cori di Marassi sono un messaggio d’amore, a futura memoria.

Poi Angelo Palombo (nella foto), cuore di capitano. Dopo averci messo polmoni e gambe per un intero campionato, trova il coraggio e l’umiltà di chiedere scusa a mani giunte a tutto lo stadio. Una bell’esempio in un mondo certe volte troppo gossipparo, che spesso si perde nel vuoto del nulla.

Infine Riccardo Garrone, il figlio del presidente. Quando la Samp imperversava e conquistava la Champions League, si è saputo tenere in disparte lasciando ad altri gli applausi. Nella giornata peggiore ci ha messo la faccia. Si è presentato per la prima volta davanti a radio, tv e giornalisti riconoscendo gli errori commessi e ribadendo la volontà della famiglia Garrone di riportare al più presto la Samp in A. Una prova esemplare di dignità e chiarezza, che fa ben sperare per il futuro doriano.

An. Ton. – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film