Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Lu. Cian.) Il Bologna chiude il campionato come peggio non poteva. Si fa seppellire sotto quattro reti dal retrocesso Bari, che al Dall’Ara centra la vittoria esterna più cospicua della sua storia. I felsinei di Malesani danno modo al giovane Primavera Grandolfo di mettersi in vetrina.

Il talentino, che non è certo un parvenu visto che potrebbe trasferirsi in Premier League (da tempo è nel mirino di Manchester United e Manchester City), ne butta dentro tre in una volta sola. Pensare che era alla sua terza partita in serie A, avendo debuttato a Palermo solo due settimane fa.

Dopo la conquista della salvezza al termine di una stagione tormentata, si volta pagina in casa rossoblù. Chiusa l’era Malesani, si apre quella Bisoli. L’allenatore di Porretta Terme, prima di essere ufficializzato sulla panchina, deve rescindere con il presidente Cellino il contratto che lo lega al Cagliari fino al 2012.

Giampaolo Bisoli (nella foto) è uno che ha le idee chiare su come costruire il nuovo Bologna. In linea con il suo predecessore non pensa a una rivoluzione, ma a un consolidamento dell’organico. I suoi punti fissi saranno tre, vale a dire Marco Di Vaio, Daniele Portanova e Diego Perez. Elementi sulla cui affidabilità e voglia di fare il neo tecnico è pronto a mettere le mani sul fuoco. Con loro altri tre giocatori attualmente in rosa sono considerati imprescindibili per il progetto: Cherubin, Della Rocca e Ramirez,

Ci sarà da sostituire Mudingay, dato in partenza, che lascerà un bel vuoto in mezzo al campo. L’ideale per raccogliere la sua eredità sarebbe Parolo. Uno che Giampaolo Bisoli conosce dai tempi del Foligno (dove lo ha lanciato) e del Cesena. (dove si è affermato). Missione impossibile, forse. La concorrenza da battere sembra troppo agguerrita (Fiorentina, Genoa e Roma).

Il reparto sul quale Setti, Pedrelli e Bagni dovranno maggiormente lavorare è l’attacco. Resta fermo  l’ingaggio di un trequartista, considerato il modulo con cui il tecnico ex Cagliari fa giocare le sue squadre. In proposito ricordiamo che Bisoli è stato l’allenatore che ha messo in pista Diamanti (ai tempi del Prato).

Lu. Cian. – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film