Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress-Stefano Cordeschi) Con il campionato che ha chiuso i battenti e con la sola finale di Coppa Italia da disputare, a tener viva l’attenzione dei tifosi ci pensa il calciomercato. Di per sè ancora non dice molto, per quanto riguarda  i colpi altisonanti, ma sta già maturando molte decisioni più o meno dolorose. Il primo ad aprire le danza degli addii è stato Andrea Pirlo che, dopo un decennio in rossonero, lascia Milanello per accasarsi alla Juventus. Saluti e lacrime per il centrocampista campione del mondo, nella sua passerella finale davanti a quelli che ormai sono da considerarsi i suoi ex tifosi.

I colpi di scena sono arrivati da Napoli e Firenze. Da un lato il divorzio (quasi) annunciato tra il presidente De Laurentiis e il tecnico Mazzarri che alla fine sembra rientrato (QUI i particolari), dall’altra la decisione di Montolivo che (un po’ a sorpresa) ha palesato l’intenzione di non rinnovare il contratto con i viola. Inutile dire che l’ambiente gigliato ha preso male la notizia. Come spesso accade a Firenze, la città si divide tra quanti non vorrebbero vedere andar via il giocatore e quelli a cui poco interessa la situazionedel singolo giocatore.

Diversa la “storia” napoletana. Che i rapporti tra De Laurentiis e Mazzarri si fossero incrinati, dopo le dichiarazioni del tecnico di San Vincenzo, era sotto gli occhi di tutti. Che da un piccolo-grande malinteso potesse scaturire la fine di un rapporto erano in pochi a pensarlo. A un certo punto l’orgoglio del numero uno della società partenopea sembrava aver prevalso. A De Laurentiis le dichiarazioni di Mazzarri non sono proprio andate giù. In giornata si era quasi arrivati alla separazione, con il Napoli già pronto a mettere in piazza il nome del sostituto del tecnico livornese (Gian Piero Gasperini, ancora sotto contratto con il Genoa, ma di fatto libero di accasarsi altrove). All’improvviso è scoppiata la pace, almeno così sembrerebbe, e l’addio è stato annullato

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film