Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress-Stefano Cordeschi) Si è chiusa domenica la stagione della Roma targata Ranieri prima, Montella poi. I risultati non sono stati certamente esaltanti, anzi, se vogliamo dirla proprio tutta, si è trattato di una stagione assai deludente per una serie di motivi, tra i quali una posizione di classifica peggiore, rispetto ai rivali biancocelesti. Ma questo fa già parte del passato. Il futuro è targato Usa, visto che proprio in giornata è arrivato l’ok dell’ Antitrust per il passaggio delle quote. Inoltre le recenti dichiarazioni di Pallotta, hanno tranquillizzato i sostenitori giallorossi. Si dovrà ora passare ai fatti, ed in questo sta lavorando alacremente l’uomo di fiducia della nuova società, Sabatini, che sta mettendo in piedi una serie di contatti, per portare alla Roma giocatori importanti. Intanto però, lo stesso Sabatini, sta cercando di risolvere il problema legato al nome del nuovo tecnico.

Di nomi ne sono stati fatti tanti e, l’ultimo in ordine di apparizione, è quello di Didier Deschamps. C’è però una serie di situazioni da risolvere, di non poco conto, che riguarda la parte tecnica. Da chi ripartire per il futuro? Sicura la presenza di Francesco Totti e dalla sempre più probabile conferma di Daniele De Rossi, la società, in accordo con quello che sarà il nuovo allenatore dei giallorossi, dovrà sciogliere i nodi che riguardano i vari Vucinic, Borriello, Pizarro e Menez. Al momento, sotto questo punto di vista, l’unico sicuro di restare nella capitale è il “Pek” Pizarro. Per gli altri, molto dipenderà dalla volontà degli stessi giocatori, ma anche il parere del nuovo tecnico. Insomma, il cantiere Roma è aperto. Si tratta di capire se il futuro sarà più giallo che rosso.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film