Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) Il campionato di serie A Tim si è chiuso domenica. I verdetti sono stati già emessi. Nel frattempo i venti presidenti della massima serie nazionale continuano a litigare da quasi un anno, tra una spaccatura e l’altra, su come dividersi i 200 milioni di euro dei diritti televisivi correlati ai bacini di utenza.

Non è stato certo un bell’esordio per la Legge Melandri-Gentiloni, che regola la vendita collettiva dei diritti per le partite alle invasive pay tv (ridotte ormai al duopolio Sky-Mediaset).

Si ritroverà domani la Commissione insediata dall’assemblea della Lega Serie A su proposta del presidente della Juventus Andrea Agnelli, dopo che il primo incontro è finito con la solita fumata nera (QUI i particolari). I presidenti che ne fanno parte hanno l’obiettivo di elaborare una ipotesi di accordo sulla ripartizione dei diritti tv che non sia limitata alla stagione in corso, ma si proietti anche a dopo il 2012.

Saranno presenti in forza le cinque grandi rappresentate da ErnestoPaolillo (Inter), Andrea Agnelli e l’avvocato Michele Bria­monte (Juventus), Adriano Galliani e Umberto Gandi­ni (Milan), Marco Fassone (Napoli) e Rosella Sensi (Roma).

Va detto che la posizione della Sensi si è fatta obliqua, dopo che il suo potere decisionale è stato messo fortemente in dubbio dal nuovo proprietario, l’americano Tom DiBenedetto (QUI i particolari). Un’intrusione che potrebbe far traballare l’impalcatura della Commissione.

Ci saranno anche quattro club in rappresentanza delle quindici me­dio- piccole. La scelta è caduta sulle prime in ordi­ne di classifica: Gino Pozzo e l’avvocato Stefano Cam­poccia (Udinese), Claudio Lotito (Lazio), Maurizio Zamparini e Rinaldo Sa­gramola (Palermo), Enrico Preziosi (Genoa, che ha vinto il duello con i Della Valle arrivati pure a 51 pun­ti con la Fiorentina).

Ottimista a oltranza il numero uno del Palermo, Zamparini: “Ancora due o tre giorni e troviamo una soluzione per i prossimi cin­que anni. L’accordo rispet­terà la meritocrazia”. La proposta avanzata del presidente rosanero è quella di pre­miare al massimo i ri­sultati del campo, allargando la fetta di diritti tv da as­segnare sulla base delle prestazioni degli ultimi tre anni.

La su posizione sembra condivisa anche da altre provinciali, come l’Udinese. La legge Melandri limita i meriti del campo al 30 per cen­to previsto dalla Legge Me­landri, ma la percentuale è più bassa poiché comprende le presenze in Serie A dal 1946 in poi.

Un criterio storico che premia i club di maggiore tradizione. Secondo le medio-piccole, premiando con qualche milione in più le differenze di posizione in clas­sifica, le regolarità del cam­pionato ne gioverebbe.

Più pessimista il presidente del Genoa, Preziosi: “Non c’è nulla che eviti un accordo, ma le par­ti sono ancora distanti e de­vono trovare la quadra. Speriamo di farcela gio­vedì”.

Sergio Mutolowww.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Calciomercato1 giorno fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film