Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Lui. Bel.) Il presidente Moratti deve decidersi (QUI i particolari). Riconfermare il gruppo storico, puntando su un numero ristretto di innesti mirati e di qualità (QUI i particolari)? O invece sfrondare la rosa dalla zavorra di tanti campioni in crisi motivazionale (QUI i particolari)? La domenica della finale di Coppa Italia con il Palermo (QUI i particolari) è l’occasione migliore per una pausa di riflessione e per valutare alcune nuove opzioni. Vediamo quali.

E se arrivasse Mata? Moratti non demorde e spera sempre di portare a casa uno tra Tevez e Sanchez. Sul tema si sono spesi fiumi di parole, ma nulla di concreto è avvenuto. Si battono piste alternative. Ecco spuntare allora la proposta di Tronchetti Prover: “Mata è un giocatore da tenere d’occhio, un giocatore da Inter”. Juan Manuel Mata, giovane giocatore spagnolo del Valencia, costa quasi 15 milioni meno del Nino Maravilla che l’Udinese vuole cedere a peso d’oro. Un affare che potrebbe chiudersi in brevissimo tempo insomma. L’alternativa Mata potrebbe sbarcare a Milano in pochissimo tempo, al costo di 25 milioni.

Affondo su Fabregas? Serve un acquisto in grado di dare la scossa allo spogliatoio e consentire nuove opzioni a Leonardo. Chi meglio di Cesc Fabregas, regista e capitano dell’Arsenal dato dai media inglesi come sicuro partente a fine stagione? In verità il giocatore avrebbe tanta voglia di tornnare a giocare nella Liga, ma il Barcellona (fresco vincitore della finale di Champions giocata a Wembley con lo United) ha già un organico di lusso. Perché spendere 45 milioni di euro, anche se per uno come lui? Si potrebbe fare avanti Moratti, che ha i mezzi per bruciare la concorrenza e portare all’Inter Fabregas, anticipando possibili mosse del club catalano in questa direzione. I nerazzurri potrebbero versare 38 milioni di euro, più contropartite in ngrado di stimolare l’interesse del club londinese. PandevMilito sarebbero due nomi spendibili, in grado anche di ridurre il conguaglio cash.

Pastore torna nel mirino? In occasione della finale di Coppa Italia con il Palermo, Moratti e Leonardo avranno modo di valutare meglio di quanto non abbiano già fatto il talento argentino Javier Pastore. Per cederlo Zamparini chiede una cifra ancora più alta di quella necessaria per portare a casa Fabregas (tra 40 e 50 milioni di euro). Nonostante ciò la fila si allunga alla porta del club rosanero. Il numero uno dei siciliani  non si fa pregare per snocciolare la lista dei nomi: “Me l’hanno chiesto un po’ tutti. In Italia si sono fatte avanti Juventus, Inter e Milan. L’ultimo a chiedermi quanto volessi per Javier è stato Galliani l’altro giorno in Lega, ovviamente io ho sparato alto per scoraggiare lui e tutti gli altri. In Europa, Pastore interessa a Barcellona, Real Madrid, Chelsea e Manchester City. Ho letto da qualche parte che Pastore sarebbe nostro solo al 50%, ma non è così. Abbiamo fatto valere l’opzione per il riscatto dell’altra parte del cartellino, che era di proprietà di un fondo argentino. Pastore è tutto del Palermo ed è costato 19 milioni di euro”. Vedremo quali saranno le mosse di Moratti e Branca.

Anche Gilardino sul taccuino? Alberto Gilardino, attaccante della Fiorentina e della nazionale italiana, sarebbe stato aggiunto dall’Inter alla possibile lista degli acquisti (c’è anche la Lazio di Lotito su di lui). Quella di Gilardino in maglia nerazzurra è un’ipotesi da non scartare. Sarebbe un buon sostituto del deludente Diego Milito senza richiedere un investimento economico cospicuo. Il suo cartellino costa 15/20 milioni di euro e il suo ingaggio non è eccessivo. L’arrivo dell’attaccante viola consoliderebbe la via dell’italianità avviata da Moratti con gli ingaggi di Ranocchia e Pazzini.

Lui. Bel – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film