Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) La Sampdoria si riorganizza dopo l’inopinata retrocessione in serie B (nella foto: la Gradinata Sud dello stadio Ferraris di Genova). Un evento occorso proprio nell’anno del ventennale della finale di Wembley con il Barcellona (allora Pep Guardiola era un giocatore dei blaugrana) e della partecipazione ai preliminari di Champions League (eliminazione ad opera del Werder Brema).

Sulla panchina del club blucerchiato siederà Gianluca Atzori, attuale allenatore della Reggina. La scelta è maturata a una settimana dai play off previsti in cadetteria (QUI i particolari) che potrebbero consentire alla società granata di tornare in serie A. Il tutto in una semifinale che vedrà opposta la formazione calbrese al Novara. Vale a dire la squadra il cui direttore generale, Pasquale Sensibile, è arrivato in casa Doria in per fare il direttore sportivo (è già al lavoro sul calciomercato per i Garrone).

Il quarantenne Atzori ha chiuso la sua carriera agonistica a Palermo nel 2004. E’ stato allenatore a Parma, Lecce e Catania. Nella stagione 2008-2009 è al Ravenna, poi poi tornare a Catania (esonerato dopo 15 giornate e 9 punti). Quest’anno ha allenato la Reggina, quinta nel campionato di serie Bwin al termine della stagione regolare.

I tifosi blucerchiati avevano fatto la bocca all’arrivo di Delio Rossi, che ieri ha guidato il Palermo nella finale di Coppa Italia con l’Inter e si appresta (forse si forse no) a divorziare da Zamparini (QUI i particolari). E’ saltata anche la pista che portava a  Colantuono, trionfatore in Bwin sulla panchina dell’Atalanta. Atzori batte anche la concorrenza di Iachini, Ficcadenti e Pioli (tutti candidati alla panchina doriana).

Adesso per Sensibile e Atzori è tempo di playoff, nelle rispettive società, per tentare la scalata alla serie A. Poi sarà Sampdoria a tempo pieno, con la missione possibile di ripetere l’impresa anche con i blucerchiati.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali9 ore fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Opinioni9 ore fa

Serie A Femminile, professionismo e rischio “legione straniera”

La Serie A Femminile diventa professionistica. Calerà la temuta “legione straniera”? Se così fosse, come sarà, diventa cruciale la cura...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi