Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) La Sampdoria si riorganizza dopo l’inopinata retrocessione in serie B (nella foto: la Gradinata Sud dello stadio Ferraris di Genova). Un evento occorso proprio nell’anno del ventennale della finale di Wembley con il Barcellona (allora Pep Guardiola era un giocatore dei blaugrana) e della partecipazione ai preliminari di Champions League (eliminazione ad opera del Werder Brema).

Sulla panchina del club blucerchiato siederà Gianluca Atzori, attuale allenatore della Reggina. La scelta è maturata a una settimana dai play off previsti in cadetteria (QUI i particolari) che potrebbero consentire alla società granata di tornare in serie A. Il tutto in una semifinale che vedrà opposta la formazione calbrese al Novara. Vale a dire la squadra il cui direttore generale, Pasquale Sensibile, è arrivato in casa Doria in per fare il direttore sportivo (è già al lavoro sul calciomercato per i Garrone).

Il quarantenne Atzori ha chiuso la sua carriera agonistica a Palermo nel 2004. E’ stato allenatore a Parma, Lecce e Catania. Nella stagione 2008-2009 è al Ravenna, poi poi tornare a Catania (esonerato dopo 15 giornate e 9 punti). Quest’anno ha allenato la Reggina, quinta nel campionato di serie Bwin al termine della stagione regolare.

I tifosi blucerchiati avevano fatto la bocca all’arrivo di Delio Rossi, che ieri ha guidato il Palermo nella finale di Coppa Italia con l’Inter e si appresta (forse si forse no) a divorziare da Zamparini (QUI i particolari). E’ saltata anche la pista che portava a  Colantuono, trionfatore in Bwin sulla panchina dell’Atalanta. Atzori batte anche la concorrenza di Iachini, Ficcadenti e Pioli (tutti candidati alla panchina doriana).

Adesso per Sensibile e Atzori è tempo di playoff, nelle rispettive società, per tentare la scalata alla serie A. Poi sarà Sampdoria a tempo pieno, con la missione possibile di ripetere l’impresa anche con i blucerchiati.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film