Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress-Enrico Losito) Una partita sconsigliata ai deboli di cuore quella tra Atletico Roma e Taranto. Alla fine la spuntano i capitolini che, malgrado la sconfitta per 3-2, superano il turno qualificandosi alla finale play off. Gli jonici accarezzano il sogno qualificazione ad inizio secondo tempo grazie alle reti di Prosperi, al 13′ della prima frazione, e Di Deo, al 6′ della ripresa. I biancoblu accorciano le distanze al 17′ con il neo entrato Mazzeo, ma gli jonici hanno un sussulto d’orgoglio e riescono a portarsi sul 3-1, a otto minuti dal termine dell’incontro, con uno splendido pallonetto di Guazzo. La gara, però, non è ancora finita, perché al 90′ Padella segna la rete qualificazione spezzando i sogni rossoblù.

I capitolini incroceranno in finale la Juve Stabia, che esce indenne dalla bolgia del “Vigorito” di Benevento impattando per 1-1. Sono, comunque, i sanniti a portarsi in vantaggio con un colpo di testa del solito Evacuo al 21′ minuto del primo tempo. Veemente la reazione delle vespe che sfiorano il pari in un paio di circostanze nel primo tempo. Gli sforzi degli uomini di Braglia vengono premiati al decimo della ripresa, quando Pacciardi atterra Mezavilla. Per l’arbitro è rigore con la conseguente espulsione (per doppia ammonizione) del centrocampista giallorosso, che lascia i suoi in dieci. Dal dischetto è Tarantino a trasformare. Infruttuoso il forcing finale degli stregoni che dilapidano alcune occasioni clamorose con Bueno.

Mesta retrocessione per il Cosenza sul terreno amico del “San Vito”. I silani erano chiamati a ribaltare il 3-1 subito in Toscana contro il Viareggio. Invece sono gli ospiti ad imporsi nuovamente con una rete di Pizza nei minuti di recupero del match. L’undici di Scienza presidia bene gli spazi e riparte in contropiede costruendo le migliori azioni della gara. Il premio arriva, come detto, agli sgoccioli, ma il regalo più grande per le zebre è la conquista della meritata permanenza.

Festeggia anche il Foligno: i falchetti pareggiano per 1-1 nel derby contro la Ternana. Episodico e illusorio il vantaggio delle fere al 7′ della ripresa: l’inzuccata di Sinigaglia potrebbe regalare la salvezza ai rossoverdi. L’undici di Pagliari, però, non si perde d’animo e prende ancora più coraggio quando gli avversari restano in inferiorità numerica per l’espulsione (per doppia ammonizione) di Cejas.  Al terzo minuto, dei sei concessi, di recupero è il colpo di testa di La Mantia a regalare la salvezza ai biancazzurri. Di contro è inaspettata la beffa per i ragazzi di Giordano che consumano un’amara retrocessione davanti al proprio pubblico.

Enrico Losito – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film