Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Non c’è pace per il calcio italiano. Spirano venti di guerra tra l’Assocalciatori (Aic) di Damiano Tommasi (nella foto) e la Lega serie A presieduta da Maurizio Beretta. Il contratto collettivo dei calciatori, scaduto il 30 giungo scorso, non è stato ancora firmato e tira aria di rottura tra le parti. E’ quanto emerge dall’incontro informale svoltosi questo pomeriggio a Fiumicino. Vediamo perché.

Le ragioni del contrasto. L’oggetto del dissenso è l’art.7 del contratto, quello che disciplina gli allenamenti separati. Spiega Beretta: “I fuori rosa sono l’aspetto più importante. Ma ci sono anche altri dettagli tecnici da colmare. Bisogna stabilire la data precisa entro cui effettuare il pagamento degli stipendi, senza la quale i contenziosi non possono che moltiplicarsi. Poi c’è da capire se le sanzioni da irrogare alle società e gli interessi in caso di ritardato pagamento siano al netto o al lordo degli stipendi. Poi c’è la questione dei minimi sindacali, che però oggi non abbiamo approfondito”.

Qui Beretta
: “L’incontro con l’Associazione calciatori non ha avuto esito positivo. Così com’è, il contratto noi non lo firmiamo, anche perchè l’Aic ha una posizione di chiusura su una serie di tecnicismi che sono da ridefinire. Serve un po’ di buon senso e di sano realismo. Il testo firmato dall’Aic non ci sta bene ed è inaccettabile metterci davanti ad un aut-aut. Sciopero? Sarebbe come sparare con un bazooka su una zanzara”.

Qui Tommasi
. Non si smuove dalle sue posizioni il presidente dell’Aic, Damiano Tommasi: “L’Assocalciatori ha già firmato il nuovo contratto collettivo, per noi resta quello. Il contratto che abbiamo firmato era il frutto di un impegno preso con la Lega A davanti al presidente federale Giancarlo Abete e sinceramente fatico a capire come risolvere questa situazione. Credo che bisognerebbe passare oltre certi nodi, mi pare che con la scusa delle virgole la Lega voglia fare altro”. Per ora la questione è rimandata e non si parla di sciopero: “Confidiamo di risolvere al più presto questo problema”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali6 giorni fa

Nazionale, Serie A e professionismo: la lunga estate calda del calcio femminile

L’estate è torrida come non mai. Un caldo infinito, iniziato già a maggio. Roba che, alla lunga, dà alla testa....

Nazionale1 settimana fa

Nazionale Femminile: il supporto Rai è stato un ‘flop’ per la crescita del movimento?

La Rai ha puntato molto sulla Nazionale Femminile. Secondo Andrea Fagioli, opinionista di ‘Avvenire, è stato un flop mediatico ➡️...

Editoriali2 settimane fa

Campionato Europeo: se il calcio femminile diventa qualcosa di travolgente

✅ Inghilterra-Svezia di ieri sera è stata gioia pura per gli occhi. La ciliegina sulla torta? Il magnifico gol di...

Nazionale3 settimane fa

Passata la delusione Nazionale, è ora di tuffarsi nel campionato di Serie A femminile

☑️ La delusione dell’Europeo va in archivio. Così speriamo tutti. L’eliminazione nella fase a gironi della Nazionale di Milena Bertolini,...

Calciomercato4 settimane fa

Serie A Femminile: il Parma mostra i muscoli e si candida come la sorpresa?

Il Parma inizia come meglio non sarebbe stato possibile la stagione che, in serie A Femminile, segnerà l’esordio del professionismo....

Nazionale4 settimane fa

Il calcio femminile ha bisogno della Nazionale: sosteniamola senza se e senza ma

Il pareggio con l’Islanda, che avrebbe anche potuto diventare una vittoria, riapre il cuore dei tifosi alla speranza. Uso la...

Nazionale4 settimane fa

Il calcio femminile, la Nazionale e l’Islanda: una questione di passione e di rispetto

Stasera la Nazionale femminile guidata dalla ct Milena Bertolini è chiamata a un esame di riparazione, dopo la pesante sconfitta...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi