Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Lui. Bel.) Un intoppo dietro l’altro per Walter Sabatini. Dopo quello di Bojan, anche l’arrivo di Alvarez e Viviano sembrava cosa fatta. Gli accordi con i procuratori erano blindati, mancavano solo quelli con i club. Si registra invece una doppia frenata. Cerchiamo di capire cosa è successo

Viviano? Più no che si. Il pasticcio del club felsineo nella chiusura della comproprietà con l’Inter per il portiere della Nazionale (QUI i particolari) ha scombinato i piani di Sabatini. Tuttavia il diesse giallorosso ci spera ancora. La Roma, per cautelarsi, cerca alternative. Segue la pista che conduce a Stekelenburg. E’ stata decisa una duplice strategia per portare Viviano nella capitale. Intanto si spera che il Bologna riesca a convincere Moratti alla riapertura della trattativa, accettando i 4,7 milioni pronti per il riscatto del portiere. In tal caso tornerebbe attuale l’accordo di venerdì con il club rossoblu (6 milioni, più il cartellino di Curci e la comproprietà di Guberti). Se Viviano approdasse viceversa a Milano, si punterebbe sulla volontà del giocatore di vestire la maglia della Roma (anche se le sirene dell’Arsenal gli fanno fischiare le orecchie). Un’operazione alla Borriello, per capirci: prestito con riscatto obbligatorio tra un anno a un prezzo già fissato.

Alvarez addio. Anche Ricky Alvarez si allontana. Sabatini non è riuscito a chiudere la trattativa per il centrocampista argentino al prezzo stabilito dalla clausola (8 milioni di euro). C’era una sorta di preaccordo, sottoscritto dal giocatore e dal suo agente. Spiega Sabatini: “Ho perso il momento giusto per poter risparmiare facendo leva sulla clausola”. Il ritardo ha lasciato spazio alla concorrenza, Arsenal su tutti ma nelle ultime ore anche l’Inter. Il prezzo è salito. Adesso vengono offerti circa 14 milioni, una cifra troppo alta per la Roma. Il giocatore interessa molto ai Gunners, ma non c’è ancora accordo con il Velez (così dicono a Londra, dove ci si prepara all’asta).

Bojan vicino alla firma. L’ingaggio di Bojan è cosa praticamente fatta, dopo l’accordo raggiunto con il Barça e con il giocatore. Al termine della gara con la quale la Spagna è diventata campione d’Europa under 21 (per il giocatore blaugrana solo panchina), Bojan ha precisato: “Ancora non posso dire di essere un giocatore giallorosso”. In settimana è previsto però il suo arrivo a Roma per sottoscrivere il contratto (un quadriennale da 2 milioni annui).

Vucinic in partenza? L’attenzione di Sabatini si concentra anche sulle uscite. Su Vucinic il diesse ha spiegato: “La disistima dei tifosi lo ha fiaccato, il rapporto si può recuperare ma Mirko deve metterci qualcosa. Lui è un campione con caratteristiche tecniche quasi soprannaturali, se tornerà sereno saremo contenti di tenerlo, altrimenti verrà messo sul mercato”. Il messaggio lanciato al giocatore, al suo procuratore e alla Juventus non lascia adito a dubbi. Se non arriva l’offerta giusta, il montenegrino non si muove da Roma.

Verso il top player. Non solo la Juventus, ma anche la Roma punta all’acquisto di un top player. Solo dopo aver chiuso la cessione di Vucinic il club giallorosso saprà la cifra che può mettere sul piatto per piazzare il colpaccio. Si era vociferato di Clichy, ma la concorrenza spietata del Psg in salsa araba e del Liverpool sta facendo defilare i capitolini. Sabatini però non demorde, anche se Wenger tuona: “Non voglio privarmi di lui”. Un ingaggio che si presenta molto complesso.

Rispunta Lamela. L’attenzione torna a concentrarsi su Lamela, che stanotte si giocherà la salvezza con il River. Un arrivo difficile da concretizzare. La retrocessione dei Millionarios potrebbe però cambiare del tutto le carte in tavola.

Lui. Bel.-www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film