Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress-Redazioneweb) Per Atletico Roma e Ravenna, la bocciatura era nell’aria. E la sentenza del Consiglio Federale non ha tardato ad emettere la sua sentenza. Sono stati, infatti, respinti i ricorsi presentati dall’Atletico Roma e dal Ravenna. Per i capitolini si è trattato soprattutto di un problema strutturale legato alla mancanza di uno stadio su cui disputare le gare casalinghe. Per i giallorossi, il respingimento del ricorso, è da imputare al ritardo con cui si è presentato il ricorso, verso la prima esclusione dal campionato.

Entrambe le squadre potranno ricorrere al Tnas, ma partecipare al prossimo campionato di prima Divisione appare cosa veramente ardua. Per il Ravenna, la beffa appare essere doppia, visto che proprio nella giornata di oggi, i giallorossi, hanno iniziato la preparazione estiva in quel di Salt’Agata Feltria. La notizia non è tardata ad arrivare presso il ritiro del sodalizio Ravennate, con il presidente Aletti, che appreso dell’esclusione dal campionato, sarebbe scoppiato in lacrime.

Grande delusione anche in casa capitolina, dove alla mancata promozione in Serie B, sfiorata ai play off, si aggiunge questa tegola che rischia di far scomparire la squadra del presidente Ciaccia, dal calcio professionistico. Ricordiamo che l’Atletico Roma, aveva chiesto di giocare a Pomezia, rilevandone eventualmente anche la denominazione sociale. Si attendono ora le motivazioni che hanno indotto il Consiglio Federale, a bocciare i ricorsi delle due squadre.

Per quanto riguarda tutti gli altri ricorsi, la Lega Pro, comunica l’esito positivo dell’accoglimento della domanda. Per tanto, solamente Ravenna e Atletico Roma, hanno visto respinto il proprio ricorso. In base a questo responso, è lecito attendersi l’attuazione della prima fase della riforma, con due gironi di prima Divisione, composto da 18 squadre. Mentre per la Seconda Divisione sarebbero previsti, sempre due gironi, ma composti da 20 squadre.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film