Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – St. Ant.)  L’arrivo di Mirko Vucinic ha sollevato il morale dei tifosi juventini e dato l’attesa sistemata all’attacco bianconero (QUI i particolari). L’ex giallorosso ha scelto la Juve, parole sue, “perché è il club più amato d’Italia e il più famoso del mondo”.

L’attaccante montenegrino non teme la concorrenza di Milan e Inter: “Noi siamo la Juve, una grandissima squadra fatta per vincere. A Roma era finito un ciclo: non ho avuto dubbi ad accettare la proposta di Marotta”.

Dopo undici anni con le maglie giallorosse addosso, tra Roma e Lecce, è pronto a indossare la casacca bianconera numero 14: “Lo stesso numero che ho nel Montenegro e che avevo ai tempi del Lecce”.

Io il top player? Mirko Vucinic risponde ai tifosi bianconeri: “Volete sapere se sono io il top player che cercava la Juve? Io mi sento un professionista, nonché un tesserato bianconero. Sarà il campo a dire se sono top o qualcos’altro. Ho scelto la Juve, la squadra più amata d’Italia e più conosciuta al mondo, perché alla Roma era finito un ciclo. Nella Capitale ho trascorso momenti più o meno belli. Ho deciso di lasciare il club giallorosso alla fine della scorsa stagione, quando ho parlato con il ds Pradè e con la dottoressa Sensi, due persone che voglio ringraziare di cuore”.

La Roma degli americani? “Volete sapere se la Roma ha fatto un passo avanti o indietro con gli americani? Preferisco non rispondere, adesso voglio pensare solo alla Juve, una grandissima squadra fatta per vincere. Quando il mio procuratore mi ha presentato la proposta dei bianconeri non ho avuto dubbi. E non mi pesa il fatto di non giocare la Champions. La squadra quest’anno è forte: vogliamo vincere il maggior numero di partite e qualificarci per l’Europa che conta. Il presidente Agnelli ieri mi ha dato una carica enorme. E anche Conte mi ha fatto un’ottima impressione. Spero che questo slancio ci aiuti a vincere”.

St. Ant. –
www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film