Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress-So.Gian.) Più che a guardare in avanti, la Roma, dovrebbe porre le proprie attenzioni di mercato ad altri reparti. Quello difensivo ad esempio, non ha dimostrato di essere garante di buona copertura, mentre il centrocampo, appare da ringiovanire, visto che sostanzialmente parliamo di giocatori che, da anni, si trovano a gestire quella porzione di campo. Sebbene ancora di grande utilità, giocatori del calibro di Perrotta, Pizarro e Taddei, avrebbero bisogno di cambi generazionali che non si vedono all’orizzonte.

QUESTIONE DIFESA:  I tre gol incassati con il PSG e quelli rifilati alla Roma dal Valencia, devono essere un campanello d’allarme per Luis Enrique che, quando non può disporre di Juan e con Burdisso alle prese con malanni che, verosimilmente, lo condurranno ad un intervento chirurgico risolutivo, la difesa giallorossa sembra non riuscire ad arginare le manovre dei propri avversari. Il tassello importante del portiere, rappresentato da Stekelenburg, da solo, non può risolvere i tanti problemi che la Roma ha palesato nelle sue ultime uscite. Forse, sarà l’intera fase a non funzionare ancora a dovere, ma la questione appare legata soprattutto ai nomi che compongono il reparto. Gli ultimi acquisti di Heinze e Jose Angel, non sembrano aver portato una ventata di aria fresca. Il primo, di indiscusso valore, ma di età avanzata, il secondo bravo in fase propositiva, meno in quella di interdizione.

CENTROCAMPO STANCO: Sono sempre loro, da anni, a tirare la carretta del centrocampo. Pizarro, Perrotta, Taddei, ma anche le seconde linee come Brighi, appaiono logori da troppe stagioni da protagonisti. Lo stesso De Rossi, nel finale di stagione, ha manifestato nervosismo e stanchezza. E’ in questo reparto che si dovranno concentrare le attenzioni di Sabatini, per portare in giallorosso, almeno un paio di elementi di spessore, in grado, di dare linfa vitale alla zona centrale giallorossa. Bene gli innesti dei giovani  Viviani e Verre, così come quella consolidata di Greco, ma a questi vanno assolutamente affiancati due giocatori capaci di farli crescere.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni4 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film