Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress-Stefano Cordeschi)  Sono in molti a credere che il calcio italiano sia uno dei pochi casi europei, dove la sconfitta non viene accettata, a prescindere. A dispetto di quei paesi, specialmente anglosassoni,  dove il verdetto del campo decreta una superiorità dell’avversario, riconosciuta dagli sconfitti. Anche in Spagna questa mentalità risulta essere ben impressa, anche a fronte di partite giocate con estremo agonismo. Le stesse società, da sempre antagoniste come Barcellona e Real Madrid, non hanno mai tenuto atteggiamenti, nei suoi tesserati, diversi da quelli imposti da questo tipo di mentalità. E se in qualche caso, sul campo, si è andati oltre,  si è sempre cercato di chiudere la disputa al triplice fischio finale.

Mai però, staff tecnico e dirigenza, sono scaduti in comportamenti antisportivi, tanto da risultare essere i primi ad impegnarsi nel calmare gli animi ai propri giocatori. Per questi motivi, i dirigenti del Real Madrid, con Florentino Pérez in testa, non avranno di certo gradito il comportamento del tecnico delle Merengue, Josè Mourinho che, oltre a subire l’ennesima sconfitta contro i rivali del Barcellona, ha dato un’immagine del club non appropriata alla fama e al palmares  della società. Il tutto, davanti a milioni di telespettatori.

Mourinho non è nuovo a questo tipo di comportamenti, totalmente tollerati dalla società ai tempi in cui allenava l’Inter, probabilmente meno a Madrid. Questo tipo di atteggiamenti, tra le altre cose, non fa altro che inficiare quanto di buono ha saputo fare la propria squadra al Nou Camp che, spesso, ha messo in difficoltà la squadra di Guardiola. Una situazione che, inevitabilmente, si riflette sulla squadra, innervosendola e allontanandola dal buon gioco che era riuscita ad esprimere.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni3 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film