Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Lui. Bel.)  L’Inter è reduce dall’amichevole con l’Olimpiacos, terminata 2-2 e giocata sotto un’afa mostruosa (doppietta di Pazzini, dopo che i nerazzurri erano andati sotto di due reti contro un avversario in dieci).

Allarme rinforzi. Mancano solo sei giorni all’inizio del campionato di serie A, salvo sciopero dei calciatori (QUI i particolari). Ne restano appena nove per arrivare alla fine del mercato. Il basso profilo scelto dalla società crea un forte imbarazzo. Significativo lo sbarco in Russia di Eto’o, un giocatore simbolo per i tifosi. Gian Piero Gasperini alza i toni. Lancia un Sos, nella speranza che il presidente Moratti lo raccolga: “Siamo in pochi. Servono due o tre rinforzi. Dobbiamo completare un paio di reparti, altrimenti non possiamo sostenere la lunga stagione che ci aspetta”.

Servono due attaccanti esterni. Il tecnico ex Genoa spiega: “Abbiamo bisogno di rinforzi in attacco. I centravanti li abbiamo. Pazzini e Milito vanno benissimo e si alternano nel ruolo. Ma la partita con l’Olimpiacos mi ha confermato l’idea che questa squadra gioca meglio col tridente. E per il tridente servono attaccanti esterni, perché sono loro che creano il gioco offensivo”.

Arriva Forlan? Nomi Gasperini non ne fa, ma l’attaccante esterno in questione sembra proprio essere Diego Forlan (ha estimatori di peso come Zanetti e Cambiasso, che ne caldeggiano l’arrivo). La trattativa entra nel vivo oggi. Per il cartellino del giocatore Branca offrirà 5-6 milioni (oltre a un triennale da 3 milioni a stagione). La questione sembra in via di soluzione.

Arriva anche Tevez? L’altro attaccante potrebbe essere Carlos Tevez. L’accordo con il giocatore c’è. Manca però quello con il Manchester City, fondamentale per la chiusura della trattativa. L’alternativa al momento è il genoano Palacio, autore di un’ottima prova in Tim Cup con la maglia dei grifoni (QUI i particolari).

Il centrocampo piange. Gasperini non la manda a dire anche su questo settore: “Ora abbiamo solo Cambiasso, Thiago Motta e Stankovic. Obi devo utilizzarlo sulla fascia, almeno finchè non tornano Maicon e Nagatomo”. Ecco dunque riprendere piede la pista che porta a Casemiro. Branca ci lavorerà nel corso della settimana, per non farsi trovare impreparato alla chiusura dei giochi.

Lui. Bel. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali7 ore fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Opinioni8 ore fa

Serie A Femminile, professionismo e rischio “legione straniera”

La Serie A Femminile diventa professionistica. Calerà la temuta “legione straniera”? Se così fosse, come sarà, diventa cruciale la cura...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali1 mese fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi