Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) In Spagna i calciatori della Liga hanno deciso di non far partire il campionato. Salterà sicuramente la prima giornata. Forse anche la seconda. Un brutto segnale per il mondo pallonaro, che comincia pesantemente a risentire della crisi economica globale (QUI i particolari).

Cosa succederà nella serie A italiana? Sabato 27 agosto il torneo avrà regolarmente inizio oppure no? Il rischio sciopero incombe. Le pay tv sono in stato di allerta. Sky e Mediaset sono pronte a chiedere i danni a chi di dovere, in caso di slittamento del campionato ormai alle porte.

Il presidente dell’Aic, Damiano Tommasi, si è dichiarato ancora possibilista sulla composizione dell’annosa vertenza. Ma la questione resta ancora in alto mare (QUI i particolari).

Nella giornata di oggi, probabilmente, si saprà se i calciatori della A Tim decideranno di scioperare per la questione connessa all’articolo 7 del contratto collettivo di lavoro. Il pallino è passato nelle mani di Giancarlo Abete (nella foto).

Il presidente della Figc si è assunto l’onere di riscrivere super partes la norma contestata. Nel contratto scaduto il 30 giugno 2010 prevedeva testualmente che “in ogni caso (anche se messo fuori rosa, ndr) il calciatore ha diritto di partecipare agli allenamenti e alla preparazione pre-campionato con la prima squadra”. I presidenti vogliono drasticamente rivederla. L’Assocalciatori non molla.

Abete si è proposto come garante della controversia tra le parti. Ha previsto la stesura di una sorta di “manuale d’uso”, con una serie di linee-guida che dovrebbe prevedere tutte le possibilità concrete. Il documento sarà reso noto nella giornata di oggi.

Il testo praparato dal numero uno della Federcalcio supererà lo scoglio dell’Assemblea straordinaria della Lega Serie A prevista mercoledì 24 agosto a Roma in concomitanza con il Consiglio Federale? Prevarranno i falchi o le colombe? L’Aic conferma che “se la Lega non firma, non si gioca di sicuro”.

Nel frattempo le quattro Leghe (serie A, serie B, Lega Pro e Lega nazionale Dilettanti) hanno deciso di fare fronte comune (QUI i particolari). La coalizione può contare sul 70% dei voti all’interno del Consiglio Federale. Una circostanza che potrebbe rappresentare un grosso problema per tutti, specialmente per Abete, se non dovesse prevalere il buon senso antico.

Sergio Mutolowww.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali1 settimana fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni4 settimane fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Opinioni2 mesi fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film