Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – So. Gian.) Serpeggia un’ansia crescente tra i tifosi rosanero. Appena due mesi fa vedevano il Palermo giocarsi la finale di Tim Cup con l’Inter e invadevano pacificamente Roma, riempiendo di colori lo stadio Olimpico (QUI i particolari). Non riescono proprio a capire cosa stia succedendo.

La quadra è stata malamente eliminata nei preliminari di Europa League dagli sconosciuti svizzeri del Thun. Il presidente Zamparini ieri, alla chiusura del calciomercato, prima ha venduto Nocerino al Milan e poi ha licenziato l’allenatore Pioli senza dargli l’opportunità di iniziare il campionato. Il numero uno rosanero confida in un ritorno di Delio Rossi che, per il momento, ha avuto il coraggio (l’accortezza?) di negarsi a questa opzione (QUI i particolari).

Il patron del Palermo, nel giro di poche settimane, ha smobilitato la squadra (incassando cifre enormi). Sono stati ceduti il portiere della Nazionale Sirigu, il gioiello Pastore, Bovo, Cassani e ora anche Nocerino (festeggiato dagli azzurri del ct Prandelli per il passaggio in rossonero). Non si può certo dire che il responsabile delle brutte figure del Palermo sia solo Pioli, che di sicuro ha sbagliato ad accettare l’incarico senza garanzie e si è bruciato prima del tempo.

Fatto che Strefano Pioli è stato esonerato. La prima squadra è stata affidata al tecnico della Primavera, Devis Mangia. Una soluzione gradita al ds Sean Sogliano che, nella passata stagione, lo ha avuto alle proprie dipendenze nel Varese (sempre alla guida della Primavera).

Le alternative sarebbero Donadoni (a sua volta licenziato dal presidente del Cagliari, Cellino, in precampionato) e Marino. Difficile che Donadoni accetti. Conoscendo i metodi di Zamparini, rischierebbe di cadere dalla padella nella brace.

Zamparini, come sempre, non si smentisce: “Se Mangia dovesse guidare la squadra verso un clamoroso successo contro l’Inter, magari continuerà. Altrimenti io aspetterò Rossi. E così anche i palermitani saranno contenti”.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali11 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi