Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Il sito web della Fiorentina (nella foto, lo stadio Franchi), con una nota stampa, ha diffuso l’intervento del Presidente Mario Cognigni nel convegno dal tema “La governance delle società di calcio. Il ruolo delle amministrazioni locali”. Lo riportiamo integralmente.

“Vogliamo vedere la Fiorentina sempre più partecipata dal territorio. Viene difficile pensare ad una società di calcio come ad una normale società di capitali. Di certo ci vogliono equilibri economico-finanziari, ricorrere il meno possibile al mezzo di terzi e via dicendo. Ma una società di calcio appartiene agli azionisti, che ne consentono la gestione, ma rappresenta il comprensorio in cui vive il club, la città stessa di cui porta il nome nelle varie competizioni.

A Firenze c’è una proprietà transitiva tra Firenze ela Fiorentina. E’un tutt’uno. Ecco perchè abbiamo due rappresentanti del Comune di Firenze nel nostro organico societario. In questa settimana noi presenteremo un nuovo progetto ‘Membership’ che rappresenta il secondo punto del nostro patto con Firenze. Una serie di iniziative fattive tra la nostra squadra ela tifoseria. Latifoseria che tiene davvero alla Fiorentina. C’è stata una lettera aperta del Patron Andrea Della Valle proprio per capire cosa vuole la città di Firenze. É arrivata una risposta gratificante dai tifosi, quelli veri, che prima rappresentavano una minoranza silenziosa.

Giani e Nardella, rappresentanti del Comune di Firenze, sono ‘invitati’ permanenti nel nostro Cda. Ci siamo inventati questo titolo per poterli mettere a conoscenza e partecipare alle attività dell’organismo ‘chiuso’ ma aperto come idee e innovazioni della Fiorentina. Accordo merito anche del Sindaco Renzi che ha capito che la Fiorentina è la principale ‘Azienda’ del comune di Firenze.

In un sondaggio del Sole 24 ore si capisce che il calcio italiano è quasi alla frutta. Le asfittiche casse societarie del nostro calcio hanno imposto che ‘campioni’ abbandonassero il nostro calcio. Questo non crea ‘appeal’ nei confronti degli investitori. Nel calcio italiano a volte si è abituati ad ‘interpretare’ certe regole non a seguirle Noi presidenti anziché perdere tempo per discutere sull’accordo con l’Aic, forse dobbiamo iniziare a trovare il modo di rendere migliore l’Azienda Calcio.

La Fiorentina si è dotata di una struttura che non ha nulla da invidiare alle società quotate in borsa. A dicembre 2010 abbiamo approvato un codice etico, inserito organismi di controllo. Tutte cose che sono fonti di trasparenza e di tranquillità anche per chi investe nella Fiorentina. Accanto alla ricerca del risultato sportivo ci sono altri obiettivi che stiamo perseguendo per migliorarci e in cui crediamo fortemente”. 

Calcio tra aziendalismo, etica e tifosi

 Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi