Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Due sedute di lavoro nella giornata di  ieri per la Nazionale al Centro Tecnico Federale di Coverciano (nella foto),  in vista della partita di domani al Franchi di Firenze contro la Slovenia per le qualificazioni a Euro 2012.

L’imbattibilità dell’Italia del ct Cesare Prandelli dura da 515’. Un solo gol subito in sette partite. Nel primato in classifica degli Azzurri e nei diciannove punti conquistati finira c’è anche questo record della difesa.

Uno dei protagonisti è senza dubbio il giovane Andrea Ranocchia, cresciuto nell’Under 21, che oggi può considerarsi uno dei pilastri della reparto difensivo azzurro. “Ho letto del record d’imbattibilità sui giornali – commenta il giocatore dal ritiro di Coverciano – e mi sembra un bel traguardo. Contro le Far Oer abbiamo preso un paio di contropiede un po’ stupidi, ma nell’arco di una partita ci può stare. Prandelli chiede molto ordine in campo (e pure fuori), contro le Far Oer lo abbiamo perso, dopo un buon inizio”.

Domani c’è la Slovenia, 90’ nel corso dei quali l’Italia può chiudere il discorso qualificazione: “Giocheremo per vincere – continua Ranocchia – sarà una partita diversa rispetto a quella con le Far Oer: loro sono reduci da una sconfitta e contro di noi si giocano le ultime ciance, quindi speriamo di trovare maggiori spazi per i nostri inserimenti. Dipende da noi, da quello che faremo in campo”.

Prandelli chiede ordine, personalità, continuità: “Stiamo cercando di trovare una nostra fisionomia. Serve tempo per imparare a toccarle tante volte la palla nel mio ruolo: sia il mister Gasperini che Prandelli ci chiedono di giocarla, e poi, quando ci si abitua, c’è anche più gusto. Nell’Inter giochiamo in maniera diversa rispetto alla Nazionale. Io con la difesa a tre di Gasperini a Genova mi sono trovato benissimo, poi, certo, l’Inter è abituata alla difesa a 4, serve un po’ di tempo per imparare, e lo stiamo facendo”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali23 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali23 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi