Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Terza giornata del campionato di Serie Bwin ricca di gol, vittorie in trasferta, espulsioni e calci di rigore. Il torneo cadetto, come racconta il sito web della cadetteria, si conferma spettacolare e ricco di partite avvincenti.

L’anticipo di sabato delle 20.45 vede scendere al Granillo la Reggina di Breda e il Grosseto di Ugolotti che non vanno oltre l’uno a uno. Decidono i gol di Ceravolo e Sforzini. Domenica,  nel secondo anticipo della terza giornata il Brescia piega l’Empoli per 2-1 confermando il suo buon avvio di campionato. Le reti portano la firma del tandem offensivo Jonathas-Feczesin. Per l’Empoli ad accorciare le distanze è Tavano.

L‘Ascoli non va oltre l’1-1 interno contro il Vicenza. Al 40’del primo tempo biancorossi veneti avanti con la rete di Abbruscato. Al 5’del secondo tempo i bianconeri marchigiani si riportano in partita con il rigore trasformato da Romeo.

Colpaccio esterno dell’Albinoleffe che espugna il San Nicola di Bari. Al 31′ la formazione di Torrente avanti nel punteggio con il gran gol del brasiliano De Paula: forte conclusione che non dava scampo al portiere Tomasig. Al 15′ del secondo tempo calcio di rigore per gli ospiti trasformato da Cocco. La squadra di Fortunato ribalta completamente lo score al 23′ con il gol di Cisse. Al 42′ Albinoleffe in dieci uomini per l’espulsione di Bergamelli. Un minuto dopo il tris dei bergamaschi con Girasole. In pieno recupero la seconda rete dei pugliesi con De Paula per il definitivo 2-3.

Bene anche il Padova che vince il derby con il Cittadella. Allo stadio Tombolato al 18′ il Padova sblocca il punteggio con il gol di Cuffa, lesto ad insaccare sugli sviluppi di un angolo. Al 22′ il pareggio del Cittadella con il colpo di testa di Gasparetto. Al 44′ nuovo vantaggio per il Padova con Ruopolo. Al 18’del secondo tempo il tris per la squadra di Dal Canto ancora con il centrocampista argentino Cuffa. Al 29′ Cittadella in inferiorita’ numerica per l’espulsione di Schiavon. Il poker firmato da Ruopolo al 38’del secondo tempo.

Si chiude a reti inviolate, senza particolari emozioni la gara dello Scida fra il Crotone e la matricola Juve Stabia: piccolo passo in avanti in classifica per entrambe. Tonfo interno del Livorno che al Picchi cede 2-0 alla neopromossa Nocerina. Al 15′ della ripresa la rete dei campani. Veloce contropiede finalizzato nel migliore dei modi da Farias. Al 45′ il raddoppio con Castaldo.

Vittoria rimonta in uno dei match più spettacolari ed incerti visti fino ad ora per il Modena che supera 3-2 il Pescara di Zeman.  Al 13′ la squadra del tecnico boemo si porta in vantaggio: Verratti serve perfettamente Immobile che in acrobazia infila il portiere degli emiliani. Ospiti in dieci per l’espulsione del portiere Anania per un’uscita su Bernacci. Al 35′ Immobile a tu per tu con con il portiere alza la palla sopra la traversa. Un minuto dopo arriva il pareggio dei “canarini” con Greco. Al 14′ del secondo tempo abruzzesi di nuovo avanti con la rete di Insigne. Al 25′ il pareggio del Modena con il preciso colpo di testa di De Vitis. Il Pescara chiude in nove con l’espulsione nel finale di Verratti. Al 45′ il gol decisivo per la vittoria del Modena e’ siglato da Dalla Bona.

Sampdoria esagerata con il tennistico 6-0 inflitto al malcapitato Gubbio. Al 13′ umbri in inferiorità numerica per l’espulsione di Farina e un minuto dopo blucerchiati in gol con il rigore trasformato da Pozzi. Al 17′ il raddoppio: angolo dalla destra e deviazione vincente di Volta. Al 39′ Gubbio in nove: espulso Maccarone per un fallo su Pozzi (seconda ammonizione). Al 40′ il tris della squadra di Atzori con il calcio di rigore trasformato da Bertani. Nella ripresa, al 14′, la seconda rete di Bertani. Al 17′ il pokerissimo siglato da Pozzi. Al 26′ sesto gol con Piovaccari.

L’Hellas Verona di Mandorlini supera di misura il Sassuolo (primo stop per i neroverdi emiliani). Al 4′ Verona vicino al vantaggio: salvataggio sulla linea di Laribi su colpo di testa di Ferrari. Al 6′ della ripresa l’arbitro decreta un calcio di rigore per il Verona: dal dischetto Ferrari non sbaglia.

Il Torino batte 2-0 in casa il Varese, nel posticipo e raggiunge in testa alla classifica Padova e Brescia a quota 7 punti. Bella partita dai toni vivaci con occasioni sia dall’una che dall’altra parte. La partita si sblocca al 40′ del primo tempo ad opera di Stevanovic, che recupera una respinta di Moreau e segna calciando con il destro sotto l’incrocio dei pali. Il raddoppio dei granata arriva al 4′ della ripresa. E’ ancora Stevanovic a inventarsi un assist per Sgrigna che raccoglie il passaggio sulla trequarti avanza, si sistema la palla e fa partire un gran destro da fuori area, indirizzando la palla nell’angolino e battendo Moreau. Il Torino gestisce la partita, mentre il Varese cerca di spingere piu’ che puo’ sfruttando le ripartenze. Al 34′ della ripresa Moreau evita il terzo gol del Torino respingendo per tre volte altrettanti tentativi di andare in rete di Embagua. Gran bel finale all’Olimpico. Il Varese tenta il tutto per tutto e, al 42′, si rende pericoloso con un calcio di punizione di Kurtic. Finisce cosi’ 2-0 fra Torino e Varese all’Olimpico.

Classifica: Padova, Brescia, Torino 7; Sassuolo, Pescara, Hellas Verona, Sampdoria 6; Grosseto 5; AlbinoLeffe, Reggina, Nocerina, Bari, Livorno, Cittadella 4; Empoli, Modena 3; Varese 2; Crotone**, Vicenza  1; Juve Stabia**, Gubbio 0; Ascoli* -3
(*7 punti penalizzazione,**1 punto di penalizzazione)

Classifica marcatori4 reti: Immobile (Pescara, 1 su rigore); 3 reti: Bertani (Sampdoria, 1 su rigore), Tavano (Empoli). 2 reti: Alfageme (Grosseto), Boakye (Sassuolo), Campagnacci (Reggina), Castaldo (Nocerina), Cocco (AlbinoLeffe, 1 su rigore), Cuffa (Padova), De Paula (Bari), Dionisi (Livorno, 2 su rigore), Feczesin (Brescia), Ferrari (Hellas Verona, 1 su rigore), Gasparetto (Cittadella), Jonathas (Brescia, 1 su rigore), Pozzi (Sampdoria, 1 su rigore), Ruopolo (Padova), Sbaffo (Ascoli), Sforzini (Grosseto).

Prossimo turno (4a giornata, 10/09/2011, ore 15): Albinoleffe-Modena, Empoli-Sampdoria (12/09 ore 20.45), Grosseto-Hellas Verona, Gubbio-Reggina, Juve Stabia-Brescia, Nocerina-Ascoli, Padova-Bari (09/09, ore 20.45), Pescara-Crotone, Sassuolo-Cittadella, Varese-Livorno (ore 18.00), Vicenza-Torino

Redazioneweb  – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali23 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali23 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi