Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb)  Sei mesi fa perse per 1-0 in casa sua contro gli azzurri (rete di Thiago Motta).Venerdì scorso la Slovenia è stata battuta sempre tra le mura amiche dall’Estonia (1-2). Il c.t. Matjaz Kek è nel mirino. Ilicic del Palermo, protagonista di una pessima prestazione, rischia di finire in panchina. La squadra di Kek si gioca al Franchi la sua ultima chance.

Nella classifica del girone è stata raggiunta al secondo posto dalla Serbia, che stasera ospita le Far Oer. Pareggiando con l’Italia scivolerebbe al terzo posto, riducendo a zero le possibilità di qualificarsi (rispetto a Italia e Serbia, la Slovenia ha giocato una partita in più: 8 contro 7). In soldoni, la Slovenia è “costretta” a battere l’Italia per non affidare il suo futuro europeo ai risultati delle avversarie.

La conferenza stampa c.t. Matiaz Kek inizia con un’ora di ritardo (ritardo aereo). Kek non imita Prandelli. “No, non vi dola formazione. Perabitudine gli 11 li decido il giorno della gara. Posso dirvi però che Ljubijancic non recupererà dall’infortunio”. La Slovenia ha incassato le sue tre sconfitte tutte in casa (per opera di Irlanda del Nord, Italia ed Estonia) e Kek ironizza: “Per fortuna giochiamo a Firenze. Mi sento più tranquillo…”.

Molti gli “italiani” tra i convocati sloveni. Scorrendo la lista fornita dalla Figc ci sono Cesar e Jokic del Chievo, oltre a Birsa del Genoa. Assente Samir Handanovic (il portiere dell’Udinese è squalificato). Tra i pali si il cugino Jasmin Handanovic (ex Mantova e Empoli, oggi al Maribor). Secondo portiere è Belec del Crotone. Come terzo portiere c’è Koprivec (ex Udinese oggi al Bari), destinato alla tribuna. Poi ci sono i due rosanero Bacinovic (nella foto) e Ilicic (le loro quotazioni sono molto in ribasso a Palermo). Ieri è stato richiamato d’urgenza al posto di Ljubijancic, l’attaccante Dedic (ex Parma, Empoli, Piacenza, Cremonese, Frosinone, ora alla Dinamo Dresda). 

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi