Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) La Nazionale Under 21 di Ciro Ferrara festeggia il ritorno in campo europeo con un successo che convince sul piano del gioco, dell’impegno e dello spirito di gruppo. Gli Azzurrini vincono 3-0 in casa dell’Ungheria con una doppietta di Gabbiadini alla quale si aggiunge la rete di Borini e cominciano le qualificazioni con il piede giusto.

Lasciato a casa Macheda per scelta tecnica e perso Fabbrini per infortunio alla vigilia della partenza, Ciro Ferrara rinuncia anche al titolare D’Alessandro e si affida ancora al 4-4-2 (modulo adottato e collaudato nel corso di questi undici mesi di lavoro). L’Italia scende in campo con Pinsoglio in porta, in difesa da destra il capitano Santon, Capuano, Caldirola, Crescenzi, a centrocampo Saponaro e l’esordiente Florenzi esterni con Marrone e Rossi centrali, in attacco la coppia Gabbiadini-Borini.

Primo tempo. Grande movimento da parte dell’Under fin dall’avvio. Decisamente superiori gli Azzurrini sul piano tecnico, con l’Ungheria brava a trovare la profondità e a rendersi relativamente pericolosa per vie centrali (un solo intervento per Pinsoglio in tutti i 90’). La partita la fa l’Italia, vicinissima al gol con Borini e Gabbiadini, neutralizzati dal portiere Gulacsi. E dove non arriva l’estremo difensore ungherese, ci pensa la traversa a negare il vantaggio, al 35’, al rapidissimo Borini. Si chiude, il primo tempo, con quattro occasioni da gol annotate sul taccuino degli appunti, l’ultima delle quali al 43’, forse la più eclatante: azione avviata con grande intelligenza da Santon sulla corsia di destra, cross al centro per Gabbiadini sul quale arriva un bravissimo Gulacsi.

Secondo tempo. La gara di decide nella seconda metà. Il gol arriva dopo 40 secondi dall’inizio della ripresa al termine di una straordinaria azione avviata da Santon che apre a sinistra per Florenzi, cross al centro sul quale si avventa con perfetta scelta di tempo Gabbiadini e Gulacsi, stavolta, è battuto. Con l’ingresso in campo di Bertusch nelle file ungheresi, la squadra di casa cerca di potenziare l’attacco, ma in realtà rende più vulnerabile la sua difesa. Tanto che al 17’ l’Italia fa tremare ancora la porta di Gulacsi con Borini partito sul filo del fuorigioco. Al 21’ arriva il raddoppio, firmato ancora da Manolo Gabbiadini, capocannoniere dell’Under di Ferrara con sei reti: il suo tiro dal limite dell’area che si infila all’angolino alla sinistra di Gulacsi è fulminante. Al 30’ applausi per il goleador, che lascia il posto a Destro: proprio quest’ultimo resiste all’uscita un po’ avventata di Glulacsi, scivola, si rialza e serve un prezioso pallone che Borini trasforma nel 3-0 chiudendola pratica Ungheria. Ancora due cambi, al 39’, per l’Italia: Donati e Paloschi al posto di Saponara e Borini. Ma il discorso è già stato chiuso.

Dopo gara. Si comincia con una vittoria, dunque. Sarà un lungo cammino in un girone con Irlanda, Turchia e Lietchenstein (oltre all’Ungheria) che almeno sulla carta è molto equilibrato. Ferrara, anche lui al debutto, di meglio non poteva chiedere: “Sono stati perfetti in tutto da quando siedo sulla panchina dell’Under è stata la partita più bella che ho visto. Peccato per le occasioni sciupate nel primo tempo, che per fortuna siamo riusciti a concretizzare nella ripresa. Sono felice perché non abbiamo sbagliato proprio nulla, non c’è mai stata partita”. L’Under l’ha fatta da padrona liquidando gli ungheresi con una doppietta di Manolo Gabbiadini e un gol di Fabio Borini, i due attaccanti preferiti a Paloschi e Destro: “Ho quattro attaccanti – spiega Ferrara – tutti bravissimi. Voglio ringraziare Paloschi e Destro per come si stanno comportando, hanno avuto lo spirito giusto anche dalla panchina; oggi hanno giocato gli altri due, ma cercherò di utilizzare tutti, valutando di volta in volta in base alle condizioni fisiche”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

 

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Calciomercato8 ore fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film