Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Il ct Cesare Prandelli centra il primo match point della sua storia sulla panchina azzurra. Non era mai accaduto all’Italia di qualificarsi per la fase finale degli Europei con due turni di anticipo (22 punti in 8 partite e solo una rete subita).

Il sigillo alla vittoria sulla Slovenia lo mette Pazzini a una manciata di minuti dal termine, quando la partita sembrava stancamente avviarsi vero lo 0-0. Riuscire a centrare questo obiettivo al Franchi di Firenze (nella foto), che presentava vuoti molto larghi viste le premesse, è stato motivo di immensa soddisfazione per il commissario tecnico. Uno spettacolo desolante se raffrontato a quello delle gare in cui erano impegnate Germania, Inghilterra, Spagna, Olanda e compagnia cantando. Tutte si sono esibite in stadi ricolmi.

Rispetto all’opaca partia con le Isole Far Oer, Prandelli cambia solo gli esterni difensivi, optando per Cassani e Balzaretti. Tutto il resto rimane invariato, con la regia di Pirlo e i due “piccoletti” Rossi e Cassano in posizione avanzata.

La partita si decide quando Prandelli passa al modulo a tre punte, con gli inserimenti di Pazzini e Balotelli (accolti entrambi con grande entusiasmo dal pubblico fiorentino) Subito azzurri vicinissimi al gol prima con De Rossi (salva Kirm sulla linea) e po con Rossi (sinistro ravvicinato ma impreciso). Mentre si prospetta la necessintù di andarsi a guadagnare la qualificazione in Serbia, Brecko ha un controllo impreciso che mette la palla sul destro di Pazzini. L’interista batte il portiere sloveno e ci spalanca la strada verso Polonia e Ucraina per Euro 2012 .

Italia-Slovenia 1-0 (0-0) 

ITALIA (4-3-1-2):
 Buffon, Cassani, Ranocchia, Chiellini, Balzaretti, Thiago Motta (1′ st Marchisio), Pirlo, De Rossi, Montolivo (30′ st Balotelli), Cassano (16′ st Pazzini), Rossi. A disposizione: Sirigu, Bonucci, Criscito, Nocerino, Balotelli. All.: Prandelli
SLOVENIA (4-4-2): J. Handanovic, Brecko, Suler, Cesar, Jokic, Birsa (11′ st Ilicic), Radosavljevic, Koren, Kirm (41′ st Dedic), Vrsic (30′ st Pecnik), Novakovic.  A disposizione: Belec, Rozic, Ilic, Matavz, Dedic.
All.: Kek 6.
Arbitro: Moen (Nor) 6.
Reti: 40’st Pazzini
Note: spettatori circa 18.000, per un incasso di 240.585 euro.

Redazioneweb 
www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film