Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sa. Mig.) Il caso Cassano aveva riempito durante il calciomercato le pagine dei giornali. Il Milan ha provato a cedere il fantasista barese al miglior offerente, dopo sei mesi in rossonero nei quali Fantantonio non aveva certo entusiasmato. Niente di fatto. Ingaggio troppo alto per questi tempi difficili. Si sono tenuti lontano sia la Fiorentina che il Genoa (anche per gli inevitabili problemi ambientali che ne sarebbero derivati). Il giocatore della Nazionale di Prandelli è rimasto giocoforza a Milano. Le due parti si sono quasi rassegnate a un’altra stagione insieme.

Prima partita di campionato per il Milan. La Lazio fa vedere i sorci verdi ai rossoneri per almeno mezz’ora. A San Siro fa e disfa. Segna due gol conla coppia Klose-Cissè e sembra poter fare suala partita. Poi si mette di traverso Cassano e, nonostante la pancetta incipiente, mette le cose a posto. Prima confeziona un assist al bacio per Ibrahimovic, poi segna di testa il gol del 2-2, quindi colpisce un palo nella ripresa e infine offre a Boateng un passaggio perfetto che non viene sfruttato. Il Milan ringrazia Cassano, sorvolando nella circostanza sul girovita.

Max Allegri (nella foto) tira il fiato: ”Vedere giocare così Cassano, con gioia e con tanta voglia, è un piacere per tutti noi, e un incoraggiamento per il futuro. Lui ha enormi qualità e deve solo metterle al servizio della squadra”.

Tutto a posto, allora? Una rondine non fa primavera, come spiega il mister livornese: ”Cassano deve capire che gioca in un grande club, con esigenze particolari, pieno di campioni. E in un grande club ci si mette in discussione ogni giorno, in ogni allenamento, in ogni partita. Non esistono gerarchie prestabilite, se non quelle che detta il campo. A volte Cassano starà fuori, altre volte giocherà lui e andrà in panchina Pato, come controla Lazio. Se capirà questo concetto, Cassano sarà utilissimo alla causa”.

Sa. Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi