Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – So. Gian.) Malcolm Glazer, il magnate americano proprietario del Manchester United, per non perdere il controllo sulla società ha continuamente bisogno di fare cassa. Per questa ragione ha deciso di quotare il club inglese alla Borsa di Singapore.

Una scelta che apre una nuova fase nel processo di globalizzazione del calcio moderno. Abbiamo a che fare con una società europea della Premier League, di proprietà americana, che si quota in Asia.

La scelta di una piazza asiatica, che segue alla prima quotazione a Londra del 1991 e al delisting nel 2005, è molto meditata. Glazer intende sfruttare la straordinaria popolarità del brand Manchester United (nella foto, l’Old Trafford) in Estremo Oriente e la maggiore vitalità delle economie asiatiche rispetto a quelle europee. Ma anche la possibilità di emettere azioni con diritti diversi, in grado di non limitare il controllo della famiglia Glazer a scapito dei piccoli azionisti.

L’Ipo, in programma entro la fine dell’anno per una quota presunta del 25% e un valore stimato di circa 1 miliardo di dollari, servirà agli americani per ripagare la controversa acquisizione del club portata a compimento sfruttando più i soldi delle banche che i propri.

Ancora oggi sulla società pesano quasi 500 milioni di dollari di debiti, lascito dell’operazione che ha portato in sella Glazer dopo un analogo tentativo fallito nel 1998 da parte del magnate australiano dei media Rupert Murdoch.

Proprio in quella circostanza una parte delle tifoseria  si era raccolta sotto l’insegna Shareholders United Against Murdoch  –  oggi diventata Manchester United Supporters’ Trust  –  trovando alcuni anni più tardi un nuovo bersaglio in Glazer e nella sua acquisizione a debito.

Secondo i rappresentanti del trust dei tifosi-azionisti, la nuova quotazione avrebbe dovuto aumentare il peso dei piccoli investitori. Invece non avverrà nulla di tutto questo.

So. Gian. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, occorre ossigeno: in campo la ‘meglio gioventù’

✅ Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile rende ineludibile il potenziamento dei settori giovanili 👉🏾 “Serie A Femminile  e...

Opinioni4 settimane fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo, serve subito un progetto: se non ora, quando?

Il passaggio al professionismo della Serie A Femminile comporta l’entrata in un sistema calcio ormai alla canna del gas. Per...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile e professionismo: sarà il migliore di tutti i tempi?

L’incipit di 👉🏾 “A tale of two cities” offre un’idea suggestiva della dicotomia all’interno della quale continua a muoversi il...

Editoriali1 mese fa

Il calcio va in tilt: la Serie A Femminile e nuovi modelli di professionismo

La Serie A Femminile, con il passaggio al professionismo, si appresta a entrare in un sistema ormai alla canna del...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi