Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Sa. Mig.)   Antonio Conte (nella foto) tiene le antenne dritte. Non si fida per niente del Bologna. Ritiene piena di trappole la partita che si giocherà domani allo Juventus Stadium. Un impianto che si avvia verso il terzo pienone, dopo l’inaugurazione e la prima uscita ufficiale contro il Parma (QUI  i particolari).

Una gara per niente facile, sottolinea l’allenatore bianconero: “Avrei preferito che i rossoblù arrivassero qui da noi con qualche punto in più. E invece si presentano con zero punti e tanti giocatori importanti: Di Vaio, Ramirez, Perez, Gillet, Portanova. Nonostante ci sia poco tempo per prepararsi, stiamo studiando dove possono farci male. Il Bologna è una squadra che dà pochi riferimenti, soprattutto in attacco. Dobbiamo fare attenzione: nessuna partita è scontata”.

I cambi di formazione saranno ridotti ai minimi termini. Rispetto all’undici che ha vinto a Siena sembrano previsti due soli cambi: De Ceglie al posto di Grosso e Del Piero al posto di Matri, in attacco con Vucinic. A meno che non sia data finalmente una chance anche a Krasic.

Nonostante i sotterranei mugugni degli esclusi (QUI i particolari), Conte va dritto per la sua strada: “Posso serenamente dire che i miei giocatori sono pronti per ripetersi, non ho nessuna preoccupazione di carattere fisico. Sceglierò la squadra che mi permetterà di vincere”.

Chi dovrebbe partire dalla panchina è ancora una volta Vidal: “Arturo è un ottimo giocatore, dà grande intensità e sa cambiare il ritmo del gioco. Detto questo, per fargli spazio dovrei lasciare fuori uno tra Marchisio e Pirlo, perché purtroppo non possiamo giocare in dodici. Le decisioni le prendo guardando il giocatore dai piedi al collo, non scelgo guardando la faccia”.

Sa. Mig. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Opinioni2 mesi fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato diffuso a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi