Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Fran. Co.) Per la quarta giornata di campionato Juve-Bologna finisce 1-1. Un pareggio che non rovina la festa ai tifosi bianconeri che stipavano lo Juventus Stadium (nella foto). La squadra resta in testa della classifica (in condominio con Udinese e Genoa), approfittando dei passi falsi delle dirette concorrenti Cagliari e Napoli.

Il tecnico juventino Antonio Conte alla fine vede il bicchiere mezzo pieno. “Dispiace aver mancato i tre punti, ma sono soddisfatto per quello che hanno espresso i ragazzi non solo oggi ma anche nelle prime tre partite. Si è vista l’anima di una squadra che non si vuole mai arrendere, che in 10 contro 11 ha preso un gol su calcio piazzato, che non ha concesso praticamente nulla agli avversari e che ha creato tantissimo. Complimenti ai ragazzi, peccato per questi due punti lasciati per strada, ma il calcio lo conosciamo, è così e andiamo avanti”.

L’arbitro ha lasciato a desiderare in almeno due occasioni (espulsione di Vucinic e gol del montenegrino con palla in moviment). Conte riflette a voce alta: “Gava prima ha avvertito Vucinic che al prossimo fallo l’avrebbe ammonito, poi ha deciso comunque di espellerlo dopo le proteste degli avversari. Per quanto riguarda la nostra punizione, forse la palla era appena in movimento, ma l’arbitro non può dire, per regolamento, fischio io. E poi sempre a Mirko è stato fischiato un fuorigioco che non c’era e che lo vedeva lanciato a rete. Vucinic ingenuo per l’espulsione? A caldo diventa difficile esprimere giudizi, si rischia di non essere freddi. Analizzeremo quello che è andato bene, e sono tante cose, e quello che è andato male”.

Si è rivisto dal primo minuto Krasic. “Non era sotto esame, come non lo è nessuno qui alla Juve, chi scende in campo sa che deve dare il massimo e basta. Sono contento per la prestazione di Milos che, ripeto, non è un giocatore sotto esame come non lo è nessuno. Ho una rosa di giocatori e, in base alle circostanze, scelgo le varie formazioni”.

Fran. Co. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film