Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Lui. Bel.) Non c’è nemmeno il tempo di godersi la prima rete in serie A del talentino  El Shaarawy, non ancora diciannovenne, che ha messo una toppa alla possibile sconfitta a San Siro nella partita con l’Udinese del cecchino Di Natale.

Massimiliano Allegri ha dovuto affrontare in sequenza Lazio, Napoli e Udinese con l’intermezzo del Barcellona facendo i conti con un’epidemia di infortuni. In attacco sono venuti meno i primi tre nella gerachia del tecnico livornese. Fare a meno di Ibrahimovic, Robinho e (del fragile) Pato non è cosa di poco conto. Il Milan si è giocato le carte di cui disponeva. Cassano, che è pur sempre il numero dieci della Nazionale. El Shaarawy, uno che farà parlare parecchio di sé. L’eterno Inzaghi, sempreverde trentottenne sceso in campo col suo ginocchio rattoppato.

Lemergenza infortuni costringe l’allenatore rossonero a schierare un centrocampo e un attacco decisamente non conformi ai progetti di partenza. Senza contare che giocatori di lungo corso come Nesta, Zambrotta, Van Bommel e Seedorf vengono spremuti correndo rischi estremi.

Non a caso la difesa milanista è la peggiore del campionato, dopo quella del Parma. Allegri invita a non fare troppo gli schizzinosi e si difende: “Non capisco certi discorsi: abbiamo 12-13 infortunati”. In queste condizioni un pareggio a san Siro contro l’Udinese vale quanto una vittoria.

Il calendario prevede adesso in rapida sequenza altre tre partite più o meno toste: il Cesena in casa, mercoledì (sempre al Meazza) il Viktoria Plzen per la Champions e la trasferta in casa della Juventus. Il Milan spera di poter recuperare almeno per Torino Ibra, Boateng e magari Robinho (alle prese con la pubalgia). A parte i dubbi su Pato e la certezza dell’assenza di Flamini fino a primavera, si attende la prognosi per Bonera. Stanno migliorando Ambrosini e Mexès. I tempi di recupero di Gattuso si conosceranno lunedì, ma Ringhio mancherà almeno un mese.

“Per fortuna gli altri ci aspettano”, sdrammatizza Abbiati alludendo alle frenate di Juve e Napoli. Il Milan ne dovrà approfittare sabato a San Siro col Cesena, ultimo in classifica a zero punti. Contro i cechi Allegri avrà un solo attaccante a disposizione, ovvero  Cassano. Inzaghi e El Shaarawy, infatti, sono fuori dalla lista Champions.

Lui. Bel. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film