Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Lui. Bel.) Walter Mazzarri assorbe con filosofia la sconfitta rimediata a Verona. Il tecnico livornese spiega, riferendosi anche alla batosta dell’Inter al Piola di Novara e al mezzo passo falso del Milan con l’Udinese a San Siro: “Nei turni infrasettimanali è dura per tutte le squadre che giocano molto, infatti non ha vinto quasi nessuno”.

Non l’hanno presa bene, viceversa, i tremila tifosi al seguito della squadra. Si sono sentiti un po’ traditi. Hanno reclamato a lungo l’ingresso di Cavani e degli altri titolari tenuti fuori. La sconfitta l’hanno digerita male. Era rimasto a casa De  Laurentiis, che forse sospettava una serata opaca.

Per il Napoli si tratta del terzo ko consecutivo con il Chievo in gare di campionato. Un risultato negativo che costa agli azzurri di De Laurentiis la perdita dell’imbattibilità dopo sole tre giornate. Significa anche l’abbandono, si spera provvisorio, della testa della classifica.

La frenata della Juventus, fermata in casa dal Bologna, rende meno amaro il boccone. La graduatoria resta corta. Già sabato sera (vale a dire tra quarantotto ore) nell’anticipo in programma con la Fiorentina allo stadio San Paolo, Cavani e compagni potranno rifarsi con gli interessi.

Va detto che Mazzarri non ha avuto una risposta gran che positiva dalle seconde linee, anche se assolve tutti indiscriminatamente: “Secondo me sono stati tutti bravi: pure Fideleff, che ha avuto solo un incidente di percorso”.

D’altronde non c’è neppure il tempo di piangersi addosso. Incombono Fiorentina, Villareal e Inter. Tre formazioni toste da affrontare nell’arco di sette giorni. Il concetto è ben chiaro nella testa di Mazzarri, che tuona: “Ma quale delusione: non abbiamo nemmeno il tempo per preoccuparci dell’aspetto psicologico, si torna subito in campo”.

Il tour de force partenopeo parte sabato in campionato, come si è detto, con la Fiorentina. Sarà importante disporre di giocatori in forma, specie quando si parla dei cardini del progetto tecnico. Cavani e Lavezzi (nemmeno convocato con il Chievo). Hamsik e Inler. Senza contare Cannavaro. Tutta gente che rientrerà in campo con la voglia di spaccare il mondo.

Da rivedere invece lo stato di salute di Maggio e Dzemaili, usciti acciaccati dal Bentegodi. Per l’esterno destro è comunque previsto un turno di stop, nella logica del turn over. Con i viola, sulla fascia sinistra, rientrerà Dossena e Zuniga si trasferirà su quella destra. Prossimo anche il recupero il centrocampista Donadel, che sta per rientrare nel gruppo.

Al San Paolo, ci saranno almeno 45 mila spettatori e soprattutto tutti i titolari in campo. Il primo posto in classifica si può riprendere da subito. Radio calciomercato comunica che, già a gennaio, potrebbe arrivare un centrocampista norvegese del Rosenborg. Si tratta di Markus Henriksen,  .

Lui. Bel. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali3 ore fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: ma sarà vera gloria?

Il passaggio al professionismo ridurrà a dieci il numero dei club iscritti alla Serie A femminile. Una riforma (affrettata?) da...

Editoriali11 ore fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali3 settimane fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Editoriali2 mesi fa

Juventus Women, Braghin e una certa visione di futuro del calcio femminile italiano

Stefano Braghin ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club bianconero. Il passaggio del...

Calciomercato2 mesi fa

Il talento di Sofia Cantore, una vera ‘predestinata’

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi