Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Lui. Bel.) La vittoria in Champions con il Viktoria Plzen, nel secondo turno della fase a girone di Champions League, dà modo a Massimiliano Allegri (nella foto) di concentrarsi sul campionato. Incombe la sfida in programma domenica sera a Torino con la Juve.

I bianconeri, fuori dall’Europa, sono concentrati da giorni su una gara che dirà molto sul futuro della Vecchia Signora in questo torneo. I tifosi sono in fibrillazione. Lo Juventus Stadium è sold out già da lunedì. Antonio Conte ha avuto già tre giorni di tempo per prepararsi mentalmente e tatticamente (leggi QUI e QUI).

Il Milan, viceversa, ha iniziato a pensare al duello appena da oggi. Il cruccio di Allegri è rappresentato, more solito, dalla lunga lista degli indisponibili. Nonostante tutto a Milanello l’ottimismo è palpabile. Parola del prode Ibrahimovic: “Andiamo a Torino per vincere”.

Nel frattempo si fa il conto degli arruolabili. I dubbi, al momento e salvo fatti nuovi, sono sostanzialmente due. Faranno parte del gruppo Abate (oggi controllo medico dopo i dolori muscolari alla coscia destra lo hanno afflitto durante la partita con il Plzen) e soprattutto Boateng?

Il rientro del trequartista sarebbe fondamentale per contrastare le giocate dell’ex Andrea Pirlo nella zona nevralgica del campo. Senza contare la sua abilità nelle incursioni, che contribuirebbe a tenere sotto pressione l’incerta difesa bianconera.

Nello scacchiere di Allegri peserà non poco l’assenza dei vari Ambrosini, Gattuso, Pato e Robinho.Senza contare Mexès, che ancora non è riuscito a dare il suo contributo alla causa. Dal calciomercato di agosto non è arrivato gran che, a essere sinceri. E’ vero che Nocerino si è dimostrato finora prezioso per tamponare le tante assenze, ma l’apporto di Aquilani e Taiwo è stato davvero modesto. Molte le speranze riposte su El Shaaarawi che finora non ha tradito le attese.

Il rientro di Boateng sarebbe importante anche in prospettiva. La squadra è decimata dagli infortuni ormai da troppe settimane. Ha bisogno di una boccata d’ossigeno. Lancia l’allarme Allegri: “Siamo stanchi: da un mese giocano più o meno sempre quelli”. La fatica fisica e mentale. Questa è la vera incognita del Milan in chiave bianconera..

Lui. Bel. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Opinioni3 giorni fa

Serie A Femminile: quando le gerarchie contano. Dopo tre giornate classifica spaccata in due

In un campionato con dodici squadre e appena 22 partite da giocare, tre giornate contano parecchio. La classifica è già...

Calciomercato3 settimane fa

Il talento di Sofia Cantore: è una predestinata, parola di Carobbi

Quando l’estate scorsa Sofia Cantore approdò alla Florentia, in prestito dalla Juventus Women grazie ai buoni uffici del direttore generale...

Editoriali3 settimane fa

Serie A Femminile, a proposito di professionismo e di azionariato popolare a Napoli

Non siamo nati ieri. Tutti sappiamo che il gioco del calcio non è solo un gioco, ma è anche un’azienda....

Editoriali1 mese fa

Stefano Braghin e la missione del calcio femminile in Italia

Il direttore della Juventus Women, Stefano Braghin, ha percorso un cammino straordinario da quando è alla barra di comando del club...

Opinioni1 mese fa

Il senso dei tifosi per il calcio

Il calcio è uno sport bellissimo. Per le intrinseche dinamiche del gioco, ma anche per la valenza sociale e la...

Editoriali1 mese fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

Sembrerebbe proprio che la festa sia finita, per il calcio professionistico europeo e, di conseguenza, per quello italiano. La crisi...

Editoriali2 mesi fa

Serie A Femminile, per nuove prospettive puntare verso nuovi orizzonti

La prima partita del campionato di Serie A Femminile, stagione 2020-21, si è giocata il 22 agosto 2020. La maggior...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film