Connect with us
Sergio Mutolo

Pubblicato

il

(Calciopress – Sergio Mutolo) Gli stadi italiani sono sempre più vecchi. Il ticketing non decolla. Le pay tv offrono tutte le partite di serie A e serie B a prezzi di saldo.

Gli impianti sono, quasi ovunque, desolatamente vuoti. Le presenze calano. Il numero di abbonamenti pure. Rispetto al 2008 si registra un calo superiore al venti per cento (QUI i particolari).

Nel contempo il Fair Play Finanziario richiede una diversificazione dei ricavi. Senza contare che in materia di vendita collettiva dei diritti televisivi, un introito che rappresenta il settanta per cento dei proventi per molti club italiani, la decisione della Corte Europea sul calcio in tv potrebbe cambiare presto le carte in tavola.

Servirebbero interventi strutturali e lungimiranti, che al momento  latitano (leggi la riflessione in fondo, ndr). Per riportare i tifosi a casa, ciascuno si arrangia come può. Mancano linee-guida condivise e compatibili. Non è certo questa la strada da battere. Ogni tentativo che vada in questa direzione è, comunque, meritorio e degno di menzione.

Segnaliamo due iniziative in materia. Utili anche per riflettere sul fatto che bisognerebbe tornare a riempirli, questi benedetti stadi che del calcio sono i santuari.

1. Il presidente del Cagliari, Massimo Cellino, promette agevolazioni per gli ingressi allo stadio nelle prossime gare casalinghe. All’Unione Sarda rende noto: “Chi acquisterà il biglietto per il match con il Siena potrà poi usufruire di uno sconto sostanzioso per quello con il Napoli. Essendo un big match, i prezzi saranno gli stessi delle gare con Milan, Inter o Juventus. Quindi la gente non si lamenti dopo se li troverà cari. In questo modo ha la possibilità di vederle entrambe a costi ragionevoli e, soprattutto, di starci vicino. La partita con il Siena è importantissima e la squadra ha bisogno del sostegno di tutti i tifosi, per questo vorrei vedere lo stadio pieno, come se davanti avessimo il Milan. Abbiamo l’opportunità di mantenere il secondo posto, ma in questo momento più che mai dobbiamo restare tutti uniti, società, squadra, staff tecnico, tifosi”.

2. A partire dalla prossima giornata di serie A in tutti gli stadi ci saranno maxi-schermi sui quali si potranno rivedere – nell’intervallo e a fine gara – tutti i gol di tutte le partite del campionato. Solo le reti, ma non la moviola (l’Aia non la vuole in campo). Un’iniziativa interessante per accrescere l’offerta di spettacolo allo stadio e cercare di bilanciare la spaventosa concorrenza delle partite in tv vendute a prezzi sempre più stracciati.

Il presente precario di un calcio senza fantasia

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film