Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – Ro. Be.) In conferenza stampa Francesco spende parole di elogio per il futuro a stelle e strisce della Roma: “Il progetto americano è nuovo, importante, giovane e penso che gli americani vogliano fare grandi cose, una grande squadra, anche perchè in una grande città come Roma è doveroso. Siamo tutti a disposizione, anche perchè non conoscendo l’ambiente Roma, si troveranno un pò in difficoltà, ma hanno persone competenti”.

Per la nuova proprietà il capitano giallorosso mostra parecchio apprezzamento: “La differenza tra questa dirigenza e l’altra? È che con l’altra ci sono cresciuto, c’è stato qualcosa che va oltre il calcio. Con Conti e con Rosella Sensi è stato un rapporto vero che mi ha dato tanto e li ringrazierò sempre. Ci sono state gioie e dolori, ma prendo tutto. Sono persone che difficilmente dimenticherò. Le nuove sono persone serie, ma non avrò con loro lo stesso rapporto. Con DiBenedetto abbiamo parlato di tutto, lui in italiano e io in inglese, non ci siamo capiti molto, ma lui vuole fare una grande squadra e il bene della Roma”.

Non mancano i complimenti a Luis Enrique: “Paragonare Luis Enrique? Forse a Spalletti ma anche a Zeman. Ha un gioco offensivo e cerca sempre di fare un gol più degli altri. Gli allenamenti? Due ore e mezza di allenamenti non si possono fare, era dai tempi tempi di Zeman che non accadeva, ma sono cose che fanno bene. Luis Enrique può fare bene in questa città, ha un gioco diverso dal calcio italiano, è un calcio spagnolo, spero che sia un giorno come il Barcellona anche se so che è molto difficile.

Il tecnico spagnolo, secondo Totti, ha una sua precisa visione del calcio: “Lui comunque ha le idee chiare e ci insegna cose che in Italia non abbiamo mai fatto. Con lui ho un rapporto molto molto buono. Forse non ci eravamo capiti all’inizio, non so perchè, ma non era come volevo. Stavo bene e avevo intenzione di giocare, ma non riuscivo a capire cosa sbagliavo, poi le dichiarazioni di Sabatini e del presidente hanno detto che ero al centro del progetto, ma poi non giocavo, qualcosa non mi quadrava ed ho avuto dei colloqui dove mi ha detto come stavano le cose e si sono verificate, ma il mio atteggiamento è sempre lo stesso, prima, dopo e durante”.

Ro. Be. – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film