Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress-Stefano Cordeschi) Il rapporto tra la tifoseria viola e Sinisa Mihajlovic non è mai sfociato in quell’amore che i Della Valle avevano pronosticato per il successore di Cesare Prandelli.

C’è stata una prima fase in cui i tifosi sembravano ben orientati verso il nuovo tecnico. Poi ha preso il via un costante e continuo indebolimento delle quotazioni dell’allenatore serbo.

Analoghe sensazioni hanno cominciato a manifestarsi, inevitabilmente, anche nei confronti della proprietà gigliata alle prese con una sorta di “riduzione” degli obiettivi che ha portato la squadra ad indebolirsi di stagione in stagione.

I risultati dell’ultimo campionato, che fanno il paio con quelli scadenti con cui è iniziato l’attuale, non hanno certamente entusiasmato una tifoseria calda ma esigente, come storicamente è quella viola. Presto è emersa la contestazione verso il tecnico che cela, in maniera  poco nascosta, quella verso i Della Valle.

Dalla rabbia dei tifosi, inizialmente focalizzata contro l’allenatore viola, si è passati a un certo malumore che traspare anche da alcuni media locali e nazionali (QUI la contestazione al rientro della squadra da Verona). Di recente si era passati ad un piccolo dietrofront, con striscioni che riconoscevano alcuni errori quando si è passati alle offese personali verso il tecnico serbo.

Di certo, quegli striscioni di solidarietà non hanno placato una contestazione che è rimasta semi-soffocata dopo la gara interna vinta, senza convincere, contro il Genoa. L’ennesima sconfitta esterna in casa del Chievo, ha riportato tutti a porsi delle domande sul da farsi. Al termine della gara, i vertici societari si sono riuniti e la sentenza per il tecnico viola potrebbe essere definitiva.

La giornata di domani sarà quella decisiva, o quasi, per le sorti di Sinisa Mihajlovic sulla panchina della Fiorentina. Secondo quanto emerge, a rischiare non sarebbe solamente il tecnico ma anche quello che da tutti è sempre stato considerato uno degli intoccabili, ovvero il direttore sportivo Pantaleo Corvino.

Al momento non è dato a sapere se a Mihajlovic verrà data un’altra possibilità, che coinciderà con la prossima gara interna con il Milan. Oppre se, approfittando della sosta del campionato per la gara della Nazionale, verrà dato il benservito al tecnico. Nel caso di un esonero nella giornata di domani, il possibile sostituto potrebbe essere quel Delio Rossi, molto gradito alla piazza, che però ancora non ha ricevuto alcuna offerta dalla società capitanata dai Della Valle.

Fiorentina in odore di pulizia quindi. Una soluzione che troverebbe il benestare di molte componenti del contesto viola. Allo stesso tempo si chiedono agli stessi proprietari maggiori certezze anche in ordine alla questione societaria. Infatti, sarebbe cosa assai gradita vedere un organigramma societario ben delineato, con uno dei Della Valle ufficialmente al comando della nave. Per dare l’idea di un impegno più forte e personale sui progetti futuri.

Stefano Cordeschi – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film