Connect with us
Avatar

Pubblicato

il

(Calciopress – So. Gian.) Serata di grande calcio al San Paolo. Una partita ricca di emozioni e costellata da tanti episodi.

Termina 3-3 la sfida tra Napoli e Juventus, giocata per il recupero dell’11a giornata di Serie A Tim. Gli azzurri avevano già battuto in casa il Milan e l’Udinese. Ci hanno provato anche con la Juve, ma i bianconeri di Conte sono riusciti a raddrizzare una partita che si era messa molto male.

Rispetto alla gara con la Lazio, la Juventus deve fare a meno dello squalificato Marchisio. Conte cambia modulo e passa dal 4-3-3 al 4-4-2 con Estigarribia e Pepe esterni. Vucinic gioca in attacco, accanto a Matri. Sul fronte opposto Mazzarri (QUI le dichiarazioni nel post-gara) perde in extremis Cavani per un problema alla caviglia e si affida a Pandev come terminale offensivo. Il resto secondo le previsioni della vigilia con Aronica, Maggio, Inler e Lavezzi che tornano titolari dopo essere stati tenuti a riposo a Bergamo. Zuniga viene preferito a Dossena sulla fascia di sinistra. A Napoli la serata è bella. Il San Paolo stracolmo.

Napoli con una marcia in più nel primo tempo, che si chiude sul 2-0. Juve apparsa quasi in balia degli avversari. Prima viene graziata da Hamsik, che sbaglia un rigore in avvio concesso per fallo di Pirlo su Lavezzi (penalty battuto due volte). Poi la squadra bianconera pasticcia in difesa: un errore di testa di Bonucci consente allo stesso Hamsik di siglare il gol dell’1-0. La squadra di Conte si innervosice e si scompone. Nel finale arriva il 2-0 per i partenopei, con la rete di Pandev segnata dopo che i bianconeri perdono palla sulla trequarti.

La ripresa si apre con un sussulto della Juventus. Matri dopo 3 minuti segna la rete del 2-1. Juve in pressing alla ricerca del pareggio. Al centravanti bianconero viene annullato un gol per fuorigioco, ma ancora Pandeval 60′ timbra la doppietta personale e porta i suoi sul 3-1. Un gran gol, favorito dal secondo infortunio difensivo di Bonucci protagonista di una pessima serata. I giochi sembrano fatti. La Juventus, però, conferma di avere assimilato il carattere del suo allenatore. I bianconeri non ci stanno a perdere. Prima accorciano le distanze con Estigarribia e, trascorsi 7 minuti Pepe, riporta i suoi in parità. La Juventus mantiene così l’imbattibilità in campionato e porta a due i punti di vantaggio su Milan e Udinese. Il Napoli recrimina per l’occasione buttata al vento, dopo aver sprecato il doppio vantaggio. Mazzarri si consola per aver ritrovato un Pandev all’altezza, che non ha fatto rimpiangere Cavani. I partenopei salgono a 17 punti e raggiungono la Roma e il Catania.

Napoli-Juventus 3-3 (2-0)

NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro, Aronica (31’st Fernandez); Maggio, Gargano, Inler, Zuniga (41’st Dossena); Hamsik, Lavezzi; Pandev (26’st Santana). A disposizione: Rosati, Fideleff, Dzemaili, Mascara.  All.: Mazzarri.
JUVENTUS (4-4-2): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli, Chiellini; Pepe (40’st Pazienza), Vidal, Pirlo, Estigarribia; Matri (44’st Quagliarella), Vucinic (46’st Del Piero). A disposizione: Storari, De Ceglie, Krasic, Giaccherini. All: Conte.
Arbitro: Tagliavento di Terni
Marcatori: 22’pt Hamsik, 40’pt Pandev, 3’st Matri, 23’st Pandev, 27’st Estigarribia, 34’st Pepe

So. Gian.www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi - Direttore Editoriale: Berta Film