Connect with us

Pubblicato

il

(Calciopress – Redazioneweb) Il futuro della Spal, iscritta nel girone A della Prima Divisione di Lega Pro, resta ancora incerto.

E’ stata ufficializzata ieri la cessione alla Fincassia di Piero Santarelli (QUI i particolari), ma il bilancio del club di Ferrara resta appesantito dai debiti e dalle ingiunzioni dei creditori. La svolta societaria era attesa, si tratta adesso di capire se sarà sufficiente a salvare la Spal dal fallimento.

Il buco è, al momento di 2,5 milioni di euro. L’iniziativa intrapresa dalla presidenza Butelli con la creazione del parco fotovoltaico ArsLab, che avrebbe dovuto autofinanziare il club, non ha dato i risultati economici sperati.

La Spal sta già subendo, per i ritardi nella corresponsione degli stipendi, una penalizzazione di due punti in classifica. Ne è in arrivo un’altra, che farà seguito al recente deferimento alla CDN su impulso della Covisoc (QUI i particolari).

Intanto incombe la data del 14 febbraio, ultima scadenza per il saldo ai giocatori di 1,2 milioni di euro. Se l’adempimento non verrà rispettato, scatterebbe un ulteriore deferimento e la conseguente terza penalizzazione (che porterebbe il totale a -6).

Il compito che attende il nuovo presidente Santarelli, già patron del Messina, è di quelli da far tremare i polsi. Alla Gazzetta dello Sport il finanziere romano si è dichiarato fiducioso, al punto di far spuntare nelle sue dichiarazioni la parola serie B: “È stata una trattativa lunga, ma ce l’ho fatta. Ci sono molti problemi da risolvere, l’obiettivo immediato è salvare la categoria e saldare i debiti. Sul medio termine, vorrei riportare la Spal in B. Col club ho acquistato anche il fotovoltaico. Rinnovo la fiducia all’allenatore Vecchi, in questa avventura mi accompagnano Fabrizio Alunni e Gianni Magi ai quali ho affidato la gestione tecnica. Spero che tutte le polemiche finiscano e si possa guardare al futuro con più serenità”.

Redazioneweb – www.calciopress.net

Annuncio pubblicitario
Annuncio pubblicitario

OPINIONI

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: fra sostenibilità economica e ‘sofferenza’ del calcio italiano

✅ La crisi post-pandemica sta falcidiando i bilanci dei club europei. In misura ancora più significativa di quelli italiani, i...

Editoriali2 settimane fa

Serie A Femminile: ci sono voluti 50 anni per il professionismo

“Siamo fatti anche noi della materia di cui sono fatti i sogni: nello spazio e nel tempo di un sogno...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile scende a 10 club dal 2022-23: è una riforma affrettata?

👉🏽 La Divisione Calcio Femminile presieduta da Ludovica Mantovani, con il passaggio al professionismo, ha deciso che la serie A...

Editoriali4 settimane fa

La Serie A Femminile passerà a 10 club: Morace storce il naso

Carolina Morace ha scelto di prendere parte a “Campionesse“, la docuserie di Rakuten Tv disponibile dal 2 dicembre che racconta...

Editoriali2 mesi fa

La Serie A verso il professionismo e il modello del Napoli Femminile

La lettera aperta indirizzata il 2 settembre scorso alla ct della Nazionale, Milena Bertolini, dal presidente del Napoli Femminile Raffaele...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile, un calcio che ha bisogno di ‘storie’

Eduardo Galeano è l’autore di uno dei libri più belli mai scritti per spiegare il mondo del pallone. “Splendori e...

Editoriali3 mesi fa

Serie A Femminile nel guado: professionismo e anima dilettantistica

La transizione verso lo status di tipo professionistico della Serie A Femminile è ormai un dato di fatto. La ristrettezza...

Annuncio pubblicitario

Articoli del Mese

Copyright © Calciopress.net - Testata giornalistica reg. Trib. di Firenze atto 5591 del 04/07/2007 Direttore: Sergio Mutolo - Vicedirettore: Stefano Cordeschi